Ninjutsu – Storia di Shinobi, Kunoichi e della Koryū di Togakure

il Ninjutsu (忍術), a volte usato in modo intercambiabile con il termine moderno ninpō (忍 法), è la strategia e la tattica della guerra non convenzionale, della guerriglia e dello spionaggio praticati dallo shinobi (comunemente noto  al di fuori del Giappone come ninja).

Il Ninjutsu era una disciplina separata in alcune scuole tradizionali giapponesi, che integravano le arti marziali più tradizionali (taijutsu) insieme a shurikenjutsu, kenjutsu, sōjutsu, bōjutsu e altri.

La parola “ninjutsu” è composta da:

  • Nin (忍 pazienza, sopportazione), nel significato  di “attendere il momento giusto per agire senza esser visti”.
  • Jutsu (術 arte, tecnica)

Una traduzione possibile del termine è: “tecnica delle operazioni furtive”.

Il ninjutsu è ormai noto in Giappone e soprattutto in Europa come una delle koryū (ko=antico e ryu=scuola) di arti marziali giapponesi. L’esperto per definizione nelle tecniche di ninjutsu è rappresentato nell’immaginario moderno dal ninja.

Ninja è un on’yomi, il discendente moderno dell’approssimazione giapponese della pronuncia cinese di base dei kanji.

Shinobi, forma abbreviata della trascrizione shinobi-no-mono è un  kun’yomi, il modo di leggere nativo giapponese dei kanji, .

Questi due sistemi di lettura e quindi pronuncia dei due kanji 忍者, creano le suddette parole con significati simili.

La parola shinobi comparve nel documento scritto fin dal tardo VIII secolo nel poema del Man’yoshu. il significato è ‘rubare’ e per estensione ‘astenere’, da qui l’associazione con la furtività e l’invisibilità. Mono significa ‘una persona’ e si riferisce anche al termine shinobu che significa ‘nascondere’.

Storicamente la parola ninja non era di uso comune e una varietà di regionali colloquiali si evolsero per descrivere quello che in seguito sarebbe diventato noto come ninja. Insieme a shinobi, alcuni esempi sono monomi ‘colui che vede’, nokizaru ‘macaco sul tetto’, rappa ‘ruffiano’, kusa ‘erba’ e Iga-mono ‘uno da iga’ questo poichè il Ninjutsu fu sviluppato da gruppi di persone principalmente dalla Provincia giapponese dell’Iga.

In Occidente dopo la seconda guerra mondiale la parola ninja divenne più diffusa di shinobi, forse perché era più comoda per gli altoparlanti occidentali. In inglese ad esempio il plurale di ninja può essere o immutato come ninja  o il regolare plurale inglese ninjas.

Kunoichi, che indica una ninja femminile, presumibilmente derivato da un personaggio (pronunciato ku, no e ichi), è costituito da tre parole che formano il kanji per «donna».

Il primo uso aperto del ninjutsu sembra essere comparso durante una campagna militare nella Guerra di Genpei, quando Minamoto no Kuro Yoshitsunev(samurai e generale del clan Minamoto) scelse i guerrieri per servire come Shinobi durante una battaglia.

Ninja vs Samurai 🙂

Nel corso della storia, gli Shinobi principalmente noti per il loro uso della segretezza e dell’inganno, furono assassini, esploratori e spie  assoldati per lo più da signori territoriali.

Nel corso della storia, molte scuole diverse (ryū) hanno insegnato le loro versioni uniche di Ninjutsu. Un esempio di questi è il Togakure-ryū, scuola sviluppata da un guerriero samurai sconfitto chiamato Daisuke Togakure che fuggì nella regione di Iga. Il samurai in seguito entrò in contatto con il monaco-guerriero Kain Doshi, che gli insegnò un nuovo modo di vedere la vita e i mezzi di sopravvivenza (ninjutsu).

 

Il Ninjutsu fu sviluppato come una raccolta di fondamentali tecniche survivaliste nello stato bellicoso del Giappone feudale. I ninja usavano la loro arte per assicurarsi la sopravvivenza in un periodo di violenti disordini politici.

Studiavano le tecniche di non-individuazione, elusione e inganno, l’addestramento in corsa libera, travestimento, fuga, occultamento, tiro con l’arco e medicina. Le abilità relative allo spionaggio e all’assassinio erano molto utili per fazioni in guerra nel Giappone feudale. Quando le loro abilità nello spionaggio divenne nota collettivamente come ninjutsu, le persone specializzate in questa arte furono chiamate shinobi no mono.

Mentre esiste un’organizzazione internazionale di arti marziali che rappresenta diversi stili moderni di ninjutsu denominata Bujinkan, la discendenza storica di questi stili è contestata. Alcune scuole sostengono di essere l’unica erede legittima dell’arte, ma va detto che il ninjutsu non è centralizzato come altre arti marziali modernizzate come ad esempio il judo o il karate.

Togakure-ryū (戸 隠 流) è una tradizione storica del Ninjutsu conosciuta come “Scuola della porta nascosta”, presumibilmente fondata durante il periodo Oho (1161-1162).  La scuola si propone come la più antica forma sopravvissuta e registrata di ninjutsu. Tuttavia, la storia e il lignaggio della scuola potrebbero essere impossibili da verificare a causa dell’antichità del periodo di tempo.

Secondo il ricercatore di Bujinkan Glenn Morris, questa  scuola è nata nella prefettura di Mie con il suo creatore, Daisuke Nishina.  Morris spiega che fu avviato nel 1162, come un modo di combattere nella guerra tra i clan Genji e Heike. Lo stile stesso sarebbe conosciuto come l’origine del ninjutsu e dei suoi vari stili di combattimento. Nishina era un samurai e un membro del clan Genji, che aveva organizzato una rivolta contro il clan Heike a causa della loro oppressione contro il popolo Genji. La rivolta, tuttavia, fu schiacciata e Nishina fuggì dal suo villaggio natale di Togakure per salvare i suoi figli.

Ripartiamo dai nostri giorni, per introdurre Hatsumi Masaaki che è il fondatore dell’Organizzazione Bujinkan che raggruppa tutte le 9 scuole attualmente esistenti di Ninjutsu è anche l’attuale Soke della scuola Togakure-ryū.

Hatsumi racconta che :

  • dopo la fuga Nishina cambiò il suo nome in Togakure per riflettere da dove proveniva e si stabilì nelle foreste della penisola di Kii nella provincia di Iga;
  • fu proprio nelle predette foreste che Nishina incontrò Kain Dōshi, un monaco guerriero che era stato esiliato politicamente dalla Cina.
  • Dal monaco Nishina apprese gli stili di combattimento di Cina e Tibet e mise da parte il suo “codice samurai”.
  • Il primo successore al ruolo di Soke della scuola Togakure-ryu è stato suo figlio, Rokosuke, e contemporaneamente Nishina ha anche addestrato un deshi (vedi articolo Uchi deshi ) chiamato Shima, che sarebbe diventato il terzo maestro dello stile.
  • Lo stile Togakure è stato tramandato segretamente negli anni fino a quando è stato dato il comando a Shinryuken Toda, il 32° Sōke che iniziò a insegnarlo nel nel 1893 a suo nipote, Toshitsugu Takamatsu, dall’età di cinque anni.
  • Quando Toshitsugu Takamatsu compì 19 anni, fu nominato il 33° Sōke della scuola. Dopo questa nomina, decise di passare un anno a meditare nelle montagne tra Kyoto e Nara.
  • Al suo ritorno, partì di nuovo, questa volta in Cina, dove trascorse il tempo nelle corti dei nobili come importante consigliere grazie alla sua vasta conoscenza.

È stato infine affermato da Hatsumi e dalle fonti dello Bujinkan che Takamatsu divenne famoso in Cina e in Giappone per le sue abilità nelle arti marziali e anche per le sue conoscenze provenienti dallo studio del Ninjutsu che poi impartì a vari nobili cinesi, diventando famoso all’età di 25 anni. Quando compì 28 anni, fu eletto come “Capo delle arti marziali giapponesi in Cina”.

Takamatsu passò il titolo di 34° Sōke a Masaaki Hatsumi ed è stato proprio lui  a rendere di pubblico accesso lo stile, che ha portato all’elevata quantità attenzione pubblica sui ninja nel mondo occidentale. 

Essendo la tradizione Ninjutsu influenzata dalle arti marziali samurai del periodo Sengoku, lo stile di Togakure-ryū consiste in un piccolo numero di tecniche di evasione e fuga fisiche chiamate “ninpo taijutsu”, oltre a una serie di schemi di attacco della spada. Tuttavia, la maggior parte dell’arte coinvolge tecniche di geografia, meteorologia, nuoto, segnalazione, creazione di pozioni, accensione del fuoco, concentrazione, travestimento, imitazione e altre forme di conoscenza adatte ai ruoli di raccolta e infiltrazione come spie.

Il ninja taijutsu di Togakure-ryū è descritto come “fondamentalmente diverso” da altri stili di arti marziali giapponesi attualmente insegnati in tutto il mondo, probabilmente perché a differenza di altri stili, non ha una struttura organizzativa strettamente rigida. Gran parte della “formalità” che altri stili contengono non è presente nel moderno Togakure-ryū ed è probabile che questa “struttura più libera e flessibile” lo renda diverso creando un’atmosfera in cui “le domande sono incoraggiate, ma non c’è una risposta parziale per ogni domanda”.

Il moderno Togakure-ryū :

  • contiene alcuni “kata storici”, che sono simili all’addestramento nel judo e nell ‘aikido in quanto richiedono ad un attaccante di attaccare per iniziare i movimenti;
  • ha somiglianze con altri stili di arti marziali, in quanto esiste un certo “lavoro di gambe e dinamiche” che tutti gli stili utilizzano a causa di come il corpo umano si muove e lavora;
  • ha come uno degli obiettivi principali lo shin shin gan (gli occhi di Dio, la mente di Dio), che si riferisce allo “sviluppo di una visione o conoscenza ampia”. Questo è in relazione all’apprendimento di anticipare le mosse che un avversario farà e di essere in grado di percepire il pericolo.

L’organizzazione Bujinkan insegna che l’originale Togakure-ryū utilizzava molte armi speciali che siamo sicuri avete già visto sui film dei ninja, ma sono talmente tante che ci ripromettiamo di scrivere un articolo dedicato alle armi Shinobi. Giusto per cintarne alcune meno famose, uno era lo shuko, che è una “banda di ferro portata attorno alla mano”. Ha permesso a chi lo indossava di usarlo come difesa dagli attacchi con la spada e anche per raggiungere terreni più alti, in quanto potrebbe essere usato per arrampicarsi sugli alberi o sui muri, specialmente se indossato con ashika che sono indossati sui piedi.

Un altro è il Makibishi, oggetti appuntiti usati per rallentare gli inseguitori o nella difesa delle fortificazioni. Quelli di ferro erano chiamati tetsubishi mentre quelli di tipo naturale fatti dal baccello secco della castagna dell’acqua erano  chiamati tennenbishi.

Ci sono 18 aree di formazione su cui si concentra il moderno Togakure-ryū. Le aree sono costantemente aggiornate per rimanere pertinenti alle moderne minacce che i professionisti dovranno affrontare. Il Togakure ryu Ninjutsu Hidensho è un manoscritto giapponese scritto da Takamatsu, in possesso di Masaaki Hatsumi, che documenta il moderno Togakure-ryū.  Si presume che il documento contenga l’origine delle “18 competenze del Ninjutsu”.

Masaaki Hatsumi ha ereditato la posizione di sōke (preside) di nove ryū (scuole di arti marziali) di seguito descritte:

Togakure-ryū (戸 隠 流) – “La scuola della porta nascosta”

Gyokko-ryū (玉 虎 流) –  “La scuola della tigre diamantata”

Kuki Shinden Happō Biken jutsu (九 鬼神 伝 流 八 法 秘 剣 術) – “La scuola delle tradizioni dei 9 Dei Demoni”

Kotō-ryū (虎 倒流) – “La scuola della tigre caduta”

Shinden Fudō-ryū Dakentai jutsu (神 伝 不 動 流 打拳 体 術) – “La scuola del cuore invariabile”

Takagi Yōshin-ryū Jūtai jutsu (高木 揚 心 流 柔 体 術) – “La scuola dell’ alto albero con profonde radici nel cuore”

Gikan-ryū Koppō jutsu (義 鑑 流 骨 法術) – “La scuola della verità, lealtà e della giustizia”

Gyokushin-ryū Ninpō (玉 心 流 忍 法) –  “La scuola del cuore immutabile”

Kumogakure-ryū Ninpō (雲 隠 流 忍 法) – La scuola nascosta nelle nuvole

A partire dal 1986, in Giappone c’erano 20 dojo per Togakure-ryū che ospitavano 100 istruttori e circa 100.000 studenti. C’erano anche circa 50 Dojo internazionali che insegnavano Togakure-ryū al di fuori del Giappone.

Speriamo di avervi donato una piacevole lettura di un’arte marziale nel tempo sospesa tra mito cinematografico, realtà storica e Dojo odierni.

Buon allenamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *