Karate

Karate (空手?) è un’arte marziale nata in Giappone, precisamente nelle isole Ryukyu (la cui più grande è l’isola di Okinawa). Fu sviluppato dai metodi di combattimento indigeni chiamati te(? lett. “mano”) e dal kenpō cinese. Prevede la difesa a mani nude, senza l’ausilio di armi, anche se la pratica del Kobudo di Okinawa, che prevede l’ausilio delle armi tradizionali (Bo, Tonfa, Sai, Nunchaku, Kama), è strettamente collegata alla pratica del karate. Attualmente viene praticato in versione sportiva (privato della sua componente marziale e finalizzato ai risultati competitivi tipici dell’agonismo occidentale) e in versione arte marziale tradizionale per difesa personale. Nel passato era studiato e praticato solo da uomini, ma col passare dei secoli anche le donne si sono avvicinate a questa disciplina.

Il karate fu sviluppato nel Regno delle Ryūkyū prima della sua annessione al Giappone nel XIX secolo. Fu portato sulle isole giapponesi durante il periodo degli scambi culturali fra i nipponici e gli abitanti delle Ryukyu. Nel 1922 il Ministero dell’Educazione Giapponese invitò Gichin Funakoshi a Tokyo per una dimostrazione di karate: la National Athletic Exhibition. Nel 1924 l’Università Keio istituì in Giappone il primo club universitario di karate, e nel 1932 tutte le maggiori università avevano i loro club. In un’epoca di crescente militarismo giapponese, il nome fu modificato da mano cinese (唐手?) a mano vuota (空手?)– che in entrambi i modi viene pronunciato karate – ad indicare che i nipponici svilupparono una forma di combattimento di stile giapponese. Dopo la seconda guerra mondiale Okinawa divenne un importante sito militare statunitense, ed il karate divenne popolare tra i soldati stanziati sulle isole.

Karate-do

Kara significa vuoto. Te significa mano. La parola giapponese karate, nel complesso, si compone di vuoto e pugno, non il vuoto in sé, ma in relazione ad un lavoro, ad un’attività, cioè mettersi all’opera per fare il vuoto. Il termine zen ku, che indica lo spirito vuoto, l’assenza di Ego, può essere pronunciato anche “kara”. Il karate si pratica attraverso il karate-do, dove significa Via, ovvero il percorso di autoperfezionamento che si intraprende attraverso questa disciplina. Pertanto Karate-Dō significa “Via della Mano Vuota”. Ad Okinawa si praticava l’arte marziale dell’Okinawa-te, detta più semplicemente Te, ma anche Tode. Per facilitare la diffusione del karate in Giappone,Gichin Funakoshi e Kanryo Higaonna mescolarono i due nomi dell’arte di Okinawa: presero le parole Tode e Okinawa-te (e ovviamente anche Te) e ne fecero un parola unica: ToTe. Scelsero apposta l’ideogramma to perché si poteva leggere sia “to”, sia “Kara”.
Kara in questo caso voleva dire “vuoto”. La parola divenne perciò karate col significato di mano vuota, ovvero un’arte marziale senza l’uso di armi
.

Questi concetti suggeriscono che il praticante di karate dovrebbe allenare la propria mente affinché sia sgombra, vuota da pensieri di orgoglio, vanità, paura, desiderio di sopraffazione; dovrebbe aspirare a svuotare il cuore e la mente da tutto ciò che provoca preoccupazioni, non solo durante la pratica marziale, ma anche nella vita. Si può quindi riassumere che il karate è un’arte; una disciplina che si applica a mani nude, di origine giapponese e che rafforza il corpo e lo spirito.

FONTE WIKIPEDIA

Combattere senza pensare, forse, è solo un’abitudine

La ricerca degli Atteggiamenti Marziali o delle abitudini giuste ATTEGGIAMENTO : Ricerca dello stato mentale neurologico di prontezza, organizzata attraverso ...
Leggi Tutto

Mai più molestie nelle arti marziali

Si chiude l’anno e abbiamo una riflessione seria da fare, troppi abusi, troppe molestie, troppa finzione nelle arti marziali, NOI, ...
Leggi Tutto

anche il viaggio più lungo comincia con un passo

Un saggio cinese ha detto: “anche il viaggio più lungo comincia con il primo passo”. Ma cosa succede quando il ...
Leggi Tutto

Consigli per uno scontro

DI SEGUITO UN PICCOLO BRANO "Consigli per uno scontro" TRATTO DAL LIBRO BUBISHI La Bibbia del Karate Questo Flipbook di ...
Leggi Tutto

Immaginare le proprie capacità per migliorarle

Credere per primi nelle proprie capacità. Uno dei passaggi che hanno in comune tutti i progetti di crescita o di ...
Leggi Tutto

Il vero aiuto degli allievi ? la leadership di chi insegna

Il Maestro deve essere il leader del gruppo Nel Dojo, per gli allievi, è necessario avere un punto di riferimento, ...
Leggi Tutto

nel vostro Dojo è presente il Kamiza ?

Kami (神) è la parola giapponese indicante qualcosa di simile a “al di sopra”, alla “parte superiore” o anche  “capelli” ...
Leggi Tutto

I NOMI DELLE TECNICHE

I NOMI ORIGINALI DELLE TECNICHE e l’evoluzione marziale Originariamente le tecniche delle arti marziali erano denominate o sarebbe meglio dire ...
Leggi Tutto

Kuro Obi – Cintura Nera

Kuro Obi – Cintura Nera I Passaggi del percorso marziale presentati dai maestri dei vari stili, possono o meno incontrare ...
Leggi Tutto

Shu Ha Ri – copiare, concettualizzare, personalizzare

Shuhari (Kanji: 守 破 離) è un concetto delle arti marziali giapponesi e descrive le fasi dall'apprendimento alla maestria quindi ...
Leggi Tutto

Uke – Ruolo da allenare con impegno

Uke è un termine utilizzato in anime e manga, è la contrazione del verbo ukeru (accettare) ed indica, in una ...
Leggi Tutto

Kaizen – miglioramento continuo

Kaizen (改善) è la composizione di due termini giapponesi, KAI (cambiamento, miglioramento) e ZEN (buono, migliore), e significa cambiare in meglio, ...
Leggi Tutto

Il vuoto, il pieno e l’uso del Tanden

Lo scopo di questo articolo è ricordarci come sfruttare il nostro corpo nel modo migliore, non per spiegare  le classiche tecniche, per ...
Leggi Tutto

Il saper agire come allievo e maestro

Un buon istruttore, un maestro deve ispirarsi sempre ad alcuni principi di base per essere adatto al proprio ruolo e ...
Leggi Tutto

MU GEN DO = la via eterna, infinita, senza limiti

Si può tentare di essere una buona guida ma è la volontà dell’allievo che porta i miglioramenti.   Un buon ...
Leggi Tutto

Arti Marziali – un percorso orientato alla crescita fisica e morale di una persona

Agli occhi di chi non conosce e pratica le arti marziali, l’esercizio fatto nel Dojo (la palestra) può sembrare solo ...
Leggi Tutto

FudoShin – l’ossimoro del guerriero pacifico

Fudōshin (不動心) è composto dalle parole Fudo  la cui miglior traduzione potrebbe essere "immobile" (avete presente la posizione fudo dachi)  e ...
Leggi Tutto

Una parola per spirito, mente e corpo verso una retta via

Kokoro è una parola giapponese che significa “Cuore” ! ….ehmmm… Maestro, così è troppo semplice, non puoi cavartela battendoti il ...
Leggi Tutto

ZANSHIN – distanza, elaborazione e controllo

Per cercare di dare una spiegazione al termine Zanshin, nelle arti marziali giapponesi, vogliamo partire da un'altra locuzione ovvero il ...
Leggi Tutto

imparare dalle basi all’esecuzione

L'arte marziale è un percorso da imparare con il tempo e praticare sempre soprattutto come stile di vita e la ...
Leggi Tutto

Mu Shin – la mente piena di vuoto di un Guerriero

Mushin (無心; mushin giapponese; traduzione approssimativa "senza mente o mente piena di vuoto") è uno stato mentale in cui un ...
Leggi Tutto

Bun bu Ryo do – la via dell’intelletto e delle arti marziali

Bun bu Ryo Do, mai sentito ? Se praticate arti marziali e nessuno vi ha mai menzionato questo termine è ...
Leggi Tutto

Kanryo Higaonna – il Naha-te del guerriero dal pugno di ferro

Higaonna Kanryō (東恩納 寛量10 Marzo 1853 – 15 dicembre 1917), anche conosciuto come Higashionna West, fu un karateka e maestro ...
Leggi Tutto

i limiti illimitati del corpo umano

"Carpe diem" (vivi il presente) del poeta latino Orazio o la locuzione latina hic et nunc (qui e ora) , fanno ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

l’efficacia dello tsuki

Fu proprio nell'ambito di questa sua ricerca, per sciogliere il dubbio sull'efficacia dello tsuki che Sensei Shigeru Egami nel 1945 ...
Leggi Tutto

I dieci principi del Karate (Tode Jukun)

I dieci principi (Tode Jukun) del Karate Nel mese di Ottobre dell’ anno 1908, Anko Itosu scrisse una lettera nota ...
Leggi Tutto

Ankō Itosu – il modernizzatore

Ankō Itosu (糸洲 安恒, Okinawan: Ichiji Ankō, Japanese: Itosu Ankō) Nasce nel 1830 a Shuri da una  famiglia di funzionari ...
Leggi Tutto

L’IMPORTANZA DEL CONFRONTO NELLE ARTI MARZIALI

Shitō-ryū un esempio di confronto fruttuoso Iniziamo questo articolo con un brano Tratto dal libro Empty Hand: The Essence of ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

Kata Bunkai

Esistono anche i Kata Bunkai. Bunkai significa letteralmente "smontare, fare a pezzi". Il Bunkai di un Kata è la sua ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

Kata

Kata (giapponese 型 o 形, traducibile con forma, modello, esempio) nelle arti marziali giapponesi indica, sotto il profilo tecnico, una ...
Leggi Tutto