Knockdown Karate

Negli anni settanta si erano diffuse varie arti marziali nei cui incontri i colpi dovevano essere controllati e l’azione doveva spesso essere interrotta dopo i colpi stessi. Per rendere più spettacolari i combattimenti vennero inizialmente inventate due nuove discipline: il “Point Karate” negli USA e il Semi-contact in Europa. In questi sport gli atleti indossano protezioni (inventate dal maestro coreano Jhoon Rhee) che permettono il contatto alla fine del colpo, anche se è necessario fermare l’azione subito dopo.

Il campione di karate tradizionale e Point Karate Joe Lewis decise di creare uno sport in cui, come nel pugilato, vi fosse il contatto pieno, dando così vita al “Full-Contact Karate” o “Professional Karate”. La nuova disciplina ebbe un forte successo sia negli Stati Uniti sia in Europa. Dato che le associazioni sportive di karate tradizionale ritenevano non corretto associare la parola “karate” a “full-contact”, oggi tale sport viene chiamato semplicemente Full-Contact. È stato inglobato come specialità della Kickboxing, e in Italia ha avuto negli ultimi anni grandissimi rappresentanti a livello internazionale, come Giorgio Perreca.

Oltre al Semi-Contact vi è il “Light-Contact” dove i colpi devono essere controllati, infatti sono due discipline che esaltano l’aspetto tecnico. Le azioni vengono interrotte, nel primo caso, al momento che l’atleta mette a segno un punto, nel secondo caso invece nel momento in cui gli atleti non controllano i colpi. Per entrambe le discipline non e’ quindi previsto il KO. Nel Full Contact, invece, il KO è previsto in quanto non è richiesto il controllo del colpo (Full Contact = Contatto Pieno).

Un altro maggiore formato sportivo di full-contact karate è conosciuto come knockdown karate o qualche volta denominato Japanese full contact karate. Questo stile di sport da combattimento è stato sviluppato per la prima volta nella seconda metà degli anni sessanta in Giappone dall’organizzazione Kyokushinkai karate, fondata da Masutatsu Oyama. Nel combattimento tradizionale nessuno dei due combattenti porta alcun tipo di protezione se non la conchiglia (Anche se qualche volte delle regolamentazioni locali presentano delle eccezioni), ma è comunque un combattimento a nocche scoperte. Pugni al viso ed inguine e attacchi uniti sono proibiti. ma tutti i colpi con le nocche scoperte e con i gomiti al corpo ed ai fianchi (ad eccezione dei colpi uniti), e calci (incluse le ginocchiate) gambe, braccia, corpo, e al volto sono consentiti, come del resto anche le spazzate. Un punto è realizzato solo quando si è messo a tappeto l’avversario, o lo si è immobilizzato, o con una spazzata e controlled follow-up per un mezzo punto, e, a meno che non ci sia una spazzata od un knockdown, il combattimento è continuo. Al contrario dell’American full contact karate non si contano i colpi andati a segno, ma solo gli effetti dei colpi.

FONTE WIKIPEDIA

Combattere senza pensare, forse, è solo un’abitudine

La ricerca degli Atteggiamenti Marziali o delle abitudini giuste ATTEGGIAMENTO : Ricerca dello stato mentale neurologico di prontezza, organizzata attraverso ...
Leggi Tutto

anche il viaggio più lungo comincia con un passo

Un saggio cinese ha detto: “anche il viaggio più lungo comincia con il primo passo”. Ma cosa succede quando il ...
Leggi Tutto

Consigli per uno scontro

DI SEGUITO UN PICCOLO BRANO "Consigli per uno scontro" TRATTO DAL LIBRO BUBISHI La Bibbia del Karate Questo Flipbook di ...
Leggi Tutto

Immaginare le proprie capacità per migliorarle

Credere per primi nelle proprie capacità. Uno dei passaggi che hanno in comune tutti i progetti di crescita o di ...
Leggi Tutto

Il vero aiuto degli allievi ? la leadership di chi insegna

Il Maestro deve essere il leader del gruppo Nel Dojo, per gli allievi, è necessario avere un punto di riferimento, ...
Leggi Tutto

nel vostro Dojo è presente il Kamiza ?

Kami (神) è la parola giapponese indicante qualcosa di simile a “al di sopra”, alla “parte superiore” o anche  “capelli” ...
Leggi Tutto

I NOMI DELLE TECNICHE

I NOMI ORIGINALI DELLE TECNICHE e l’evoluzione marziale Originariamente le tecniche delle arti marziali erano denominate o sarebbe meglio dire ...
Leggi Tutto

Kuro Obi – Cintura Nera

Kuro Obi – Cintura Nera I Passaggi del percorso marziale presentati dai maestri dei vari stili, possono o meno incontrare ...
Leggi Tutto

Shu Ha Ri – copiare, concettualizzare, personalizzare

Shuhari (Kanji: 守 破 離) è un concetto delle arti marziali giapponesi e descrive le fasi dall'apprendimento alla maestria quindi ...
Leggi Tutto

Uke – Ruolo da allenare con impegno

Uke è un termine utilizzato in anime e manga, è la contrazione del verbo ukeru (accettare) ed indica, in una ...
Leggi Tutto

Kaizen – miglioramento continuo

Kaizen (改善) è la composizione di due termini giapponesi, KAI (cambiamento, miglioramento) e ZEN (buono, migliore), e significa cambiare in meglio, ...
Leggi Tutto

Il saper agire come allievo e maestro

Un buon istruttore, un maestro deve ispirarsi sempre ad alcuni principi di base per essere adatto al proprio ruolo e ...
Leggi Tutto

MU GEN DO = la via eterna, infinita, senza limiti

Si può tentare di essere una buona guida ma è la volontà dell’allievo che porta i miglioramenti.   Un buon ...
Leggi Tutto

Arti Marziali – un percorso orientato alla crescita fisica e morale di una persona

Agli occhi di chi non conosce e pratica le arti marziali, l’esercizio fatto nel Dojo (la palestra) può sembrare solo ...
Leggi Tutto

FudoShin – l’ossimoro del guerriero pacifico

Fudōshin (不動心) è composto dalle parole Fudo  la cui miglior traduzione potrebbe essere "immobile" (avete presente la posizione fudo dachi)  e ...
Leggi Tutto

Una parola per spirito, mente e corpo verso una retta via

Kokoro è una parola giapponese che significa “Cuore” ! ….ehmmm… Maestro, così è troppo semplice, non puoi cavartela battendoti il ...
Leggi Tutto

ZANSHIN – distanza, elaborazione e controllo

Per cercare di dare una spiegazione al termine Zanshin, nelle arti marziali giapponesi, vogliamo partire da un'altra locuzione ovvero il ...
Leggi Tutto

imparare dalle basi all’esecuzione

L'arte marziale è un percorso da imparare con il tempo e praticare sempre soprattutto come stile di vita e la ...
Leggi Tutto

Bun bu Ryo do – la via dell’intelletto e delle arti marziali

Bun bu Ryo Do, mai sentito ? Se praticate arti marziali e nessuno vi ha mai menzionato questo termine è ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

OSU – Significato e quando NON utilizzarlo

Se praticate arti marziali, in particolare karate, ancora più specifico Kyokushin e suoi derivati, potreste esservi scontrati con un abuso ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

Ordine di KYU (cintura) e particolarità del Kyokushinkai

In linea generale tutti sanno che esiste un ordine di gradi nelle varie arti marziali che rappresenta i progressi e ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

Kyokushin – La storia

Il fondatore del Kyokushin, Masutatsu Oyama, nacque a Gimje il 27 luglio 1923 nella regione di Il-Loong, Corea, durante il ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

Kyokushin karate

Il kyokushinkai o kyokushin karate ("via della verità" o "verità assoluta" - kyokushinkai significa letteralmente "associazione per l'estrema verità") è ...
Leggi Tutto
crossfit instagram

Knockdown Karate – Genealogia

Al fine di fare chiarezza nello splendido mondo del full contact karate abbiamo di seguito rappresentato in formato grafico parte della ...
Leggi Tutto