La presa Nelson

Per prima cosa, iniziamo a capire qual è la presa Nelson. La foto precedente sicuramente descrive al meglio questa tecnica in cui chi la esegue blocca da dietro l’avversario, con il petto sulla schiena e una o entrambe le braccia sotto le sue ascelle fissando le mani dietro la sua nuca.

Esistono diverse prese Nelson e possono essere riconosciute in base al posizionamento del braccio o delle braccia che circondano l’avversario. Una presa Nelson si utilizza generalmente per controllare un avversario o per girarlo sulla schiena usandola come un perno.

Il termine “Nelson” potrebbe derivare da “full Nelson” , riconducibile all’inizio del XIX secolo ad Horatio Nelson, che usò strategie basate sull’ambiente circostante agli avversari per vincere la Battaglia del Nilo e la Battaglia di Trafalgar.

Sembra altrettanto credibile che il nome derivi dal Wrestler Bobby Nelson, innovatore di questo tipo di presa e tale ipotesi potrebbe essere ulteriormente avvalorata dal fatto che prima della sua carriera nel wrestling, Nelson ha lavorato come ufficiale di polizia a Milwaukee. Quale miglior modo per bloccare un malvivente?

Bobby Nelson

le varianti della presa

Esistono diverse varianti delle presa Nelson, vediamole insieme di seguito illustrate da descrizione, foto e video.

¼ di Nelson

Il quarto di Nelson prevede di mettere una mano sul collo dell’avversario, passare il braccio libero sotto il braccio dell’avversario e bloccare il braccio libero all’altro braccio stringendo il polso. Nel wrestling amatoriale un forte quarto nelson può essere usato per fissare un punto di spinta o per controllare l’avversario e avanzare in una posizione maggiormente dominante. Difficile da spiegare, ci aiutiamo con il video di seguito inserito.

½ Nelson

La mezza Nelson è indicata dalla maggior parte degli allenatori come la mossa più semplice ma più efficace nel wrestling folkstyle, ed è forse quella più comunemente usata. Viene fatta usando una sola mano, passandola sotto il braccio dell’avversario e bloccando la mano sul collo dell’avversario. Inoltre, la mano che non viene utilizzata può tenere l’altro polso dell’avversario in modo che non possa togliere la mano di presa o staccare il mezzo Nelson.

Una mezzo Nelson di potenza è un tipo di mezza Nelson. La mano che non esegue la presa si posiziona sula testa dell’avversario per aumentare la potenza complessiva della presa.

Quando la mezza Nelson è correttamente applicata, porta l’avversario sulla schiena. Ciò si ottiene usando la mano per premere il collo dell’avversario verso il basso, mentre si utilizza il braccio sotto la spalla dell’avversario per sollevare la spalla e guidarla perpendicolarmente al corpo dell’avversario.

La mezza Nelson è spesso usata come transizione per costringere l’avversario alla posizione di strangolamento da dietro con i contendenti in posizione supina.

Quando l’avversario è girato sulla schiena, l’aggressore tenta di inchiodarlo stringendo la presa sul collo, mettendo la Nelson più profondamente in modo che il gomito dell’aggressore agganci il collo dell’avversario. Spesso l’aggressore rimane perpendicolare all’avversario, petto sul petto. La mano libera dell’aggressore si utilizza per ridurre al minimo la lotta agganciando la gamba o il cavallo vicino o lontano dell’avversario.

1/2 Nelson supino

¾ di Nelson

Il trequarti di Nelson si esegue come un mezzo Nelson usando una mano e passando l’altra mano sotto l’avversario dallo stesso lato. La mano che passa va sotto il collo dell’avversario e intorno al lato opposto verso la parte superiore del collo, dove è bloccata con l’altra mano intorno al collo al polso o usando una presa palmo a palmo o interlacciamento delle dita. Il Nelson di tre quarti può essere utilizzato per schienare l’avversario ed è generalmente più sicuro di un mezzo Nelson.

E’ visibile una similitudine tra questa tecnica ed il Darce Choke (o Barbo choke) che è una delle sottomissioni più potenti e famose del BJJ. La persona che ha reso famoso questo soffocamento è la persona che porta il nome di Joe D’Arce, una cintura nera BJJ sotto Renzo Gracie, e ha reso famoso questo soffocamento in virtù del fatto che lo ha usato più volte con grande successo nei suoi match.

A sua volta il Darce Choke è un cugino stretto dell’anaconda Choke, la differenza tra i due è se viene inserito il braccio sotto il braccio del contendente e poi sotto il collo – D’Arce – o se viene messo il braccio sotto il collo dell’avversario e poi sotto il suo braccio – anaconda.

di seguito video e foto del trequarti Nelson.

La double o full Nelson

La presa Nelson (a volte chiamato doppio Nelson o full Nelson) potremmo a questo punto raccontarla come una mezza Nelson ma con entrambe le braccia dietro la nuca. Nella maggior parte delle forme di lotta amatoriale, la mossa è illegale a causa della possibilità di lesioni. Le mani sono sul collo e le braccia sotto le ascelle avversarie, tenendo il collo con una presa palmo a palmo o con le dita intrecciate.

Spingendo le mani in avanti, causa una forte pressione sul collo dell’avversario e per tale motivo è proibita in alcune arti marziali e nel Wrestling amatoriale.

La presa Nelson negli sport da combattimento pur essendo una presa sicura è limitante poiché controllare l’avversario ma non consente un’azione finale, come eseguire una sottomissione affidabile ma non letale o infierire con colpi efficaci. È una delle tecniche preferite di Bobby Lashley nella WWE

Vogliamo concludere con una riflessione sulla difficile individuazione di un’origine certa delle singole tecniche di Grappling.

L’incertezza nasce dal fatto che la maggior parte di esse esistono da tempo immemore e sono spesso “riscoperte” in tempi moderni. Per tale motivo pensiamo sia difficile pensare ad una tecnica come inventata da un singolo stile o ancora più difficilmente da una persona.

Tuttavia il nome c’è e lo abbiamo anche usato nell’articolo e almeno questa tecnica possiamo individuarla ancora oggi con un nome, la mitica presa Nelson.

Buon allenamento.

fonte principale Wikipedia.com e quel minimo di arricchimento che sempre ci piace fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *