Kajukenbo – sistema di difesa integrato direttamente dalle Hawaii

Il Kajukenbo o Kajukembo è un’arte marziale ibrida, orientata prevalentemente alla difesa personale.

Nasce in epoca recente, dalla fusione di cinque stili tra loro differenti. Stile codificato dopo la seconda guerra mondiale in Oahu nelle isole Hawaii, quale metodo di autodifesa contro i criminali ed i soldati della marina americana che avevano preso di mira i locali. Il più importante dei cinque creatori è Adriano Emperado, che dopo alcuni anni è stato invitato negli Stati Uniti, dove lo stile si è largamente diffuso. Il Kajukenbo è per definizione un metodo dove sia le difese sia gli attacchi sono in continuo cambiamento. È un sistema in rapida evoluzione, in grado di appropriarsi di qualunque tecnica utile.

 

Gli stili che compongono il Kajukenbo ed i suoi fondatori

 Gli stili che compongono questa arte marziale danno anche l’origine alla sua definizione, ed i suoi cinque fondatori si riunirono per completare la loro idea:

  • KaIl tangsudo, o stile coreano del karate.
    • Peter Young Yil Choo – Campione hawaiano di pugilato e il maestro di tangsudo

 

  • ju – il jūdō ed il jujitsu, di origine giapponese
    • I cui fondamenti nello stile sono introdotti  Joseph Holck – Maestro di judo Kodokan e di jujitsu di Danzan Ryu e Frank Ordoñez – Maestro di judo Kodokan e di jujitsu di Sekeino

 

  • ken – il kenpo o il kempo, di origine cinese e giapponese
    • Adriano Emperado (chiamato “sijo” – “il fondatore”) – Maestro di Kempo di Kara-ho e di Eskrima

 

  • bo – il pugilato (boxe) americano, e il wushu o kungfu cinesi.
    • George “Clarence” Chang – Maestro di pugilato cinese di Shaolin (Sil Lum kung fu, nord e del sud)

di seguito la rappresentazione grafica della definizione e dei maestri che hanno fondato questo sistema di difesa

 

Il Kajukenbo – La Storia

Tra il 1945 ed il 1947 i fondatori della disciplina attraverso le loro conoscenze hanno dettagliato tutte le possibili tipologie di aggressione che un individuo avrebbe potuto subire nella realtà. Più tardi hanno deciso di chiamare questo sistema “Kajukenbo” e simultaneamente crearono la Società delle Cinture Nere e l’istituto dell’Autodifesa di Kajukenbo.

Con il tempo, ciò che loro avevano insegnato, si era trasferito sulla Costa del Pacifico degli Stati Uniti e nel 1958, alla base d’aria di Travis in California, il maestro Aleju Reyes apre la prima scuola al di fuori delle isole Hawaii annoverando tra gli allievi anche i membri dell’esercito dell’aria degli Stati Uniti d’America .

Nel 1959, il Sijo Emperado, ha aggiunto le tecniche del Wushu al Kajukenbo, cambiando l’arte marziale in una combinazione fluente di tecniche “dure” e tecniche “molli”.

Charles Gaylord, Ramos Tony ed Aleju Reyes, che avevano ricevuto le cinture nere da Emperado, hanno trasmesso il kajukenbo al continente americano. Ciascuno di loro apre la propria scuola in California.

Nel 1969, Tony Ramos ha praticato con Bruce Lee ed ha scambiato con lui le sue tecniche. Aleju Reyes morì nel 1977 e Tony Ramos nel 1999 alle Hawaii. Charles Gaylord aveva personalizzato la tecnica inventando il cosiddetto “Metodo Gaylord”. È attualmente presidente dell’Associazione del Kajukenbo dell’America ed ha ereditato l’arte del suo sijo.

La sua diffusione nel resto del mondo abbastanza modesta, è legata principalmente all’iniziativa di singoli individui che l’hanno trasferita nei luoghi ove si trovavano per motivi di servizio.

Il Kajukenbo Ora 

Attualmente, il Kajukenbo annovera più tecniche di prese e più proiezioni di altre scuole di Kenpo. Le tecniche di difesa di tale arte marziale sono una fusione di colpi presi dai diversi stili ed includono leve alle articolazioni, colpi bassi e attacchi con combinazioni di tecniche di braccia e gambe. Anche se contiene certi aspetti della competizione, si concentra principalmente sul  combattimento e sul significato delle analisi pratiche. In generale, le persone che praticano il Kajukenbo pensano che le azioni considerate eticamente “scorrette”, come i colpi negli occhi o nel genitali, possono essere permesse, se aiutano con la difesa contro l’aggressore.

La maggioranza di scuole del Kajukenbo includono diversi contrattacchi contro i colpi con di pugno, contro i coltelli, contro i bastoni, contro l’arma da fuoco e contro prese di lotta.

Anche se i diversi tipi del Kajukenbo hanno origine da una base comune, sono possibile delle variazioni. Tale arte marziale è basata su quattro stili diversi. È impossibile incorporarli interamente : la specializzazione è inevitabile. Un approccio aperto spinge pertanto le scuole di Kajukenbo ad incorporare nella sua pratica colpi e tecniche provenienti da altre arti marziali. Gli esempi pratici sono l’Escrima filippina e l’Aikido giapponese.

Certe scuole di Kajukenbo dirigono l’attenzione a 26 forme (kata) fondamentali. Queste sequenze sono incorporate in Kajukenbo come per gli altri stili per migliorare le capacità dello studente e gettare le basi per attacco e contrattacco.

La Kajukenbo Prayer, di Frank Ordonez, include una consistente pratica mistica, pratica che manca alla maggior parte delle scuole. Agli studenti di questa arte marziale, viene nel corso del tempo insegnato che il Kajkenbo si basa su tre elementi fondamentali : spirto, mente e corpo. Nel corso degli insegnamenti gli studenti e l’istruttore nello stesso modo aprono le loro mani per rappresentare la pace; poi salutano con una riverenza per esprimere il rispetto. Il saluto viene praticato in molte scuole: nello stesso modo, sia gli studenti che gli istruttori, quando entrano in palestra, salutano le persone che hanno raggiunto il livello di cintura nera.

I gradi ed i titoli

Cintura Tempo approssimativamente (mese)
bianca 4
gialla 5
arancione 6
porpora 7
blu 8
verde 9
marrone III 6
marrone II 6
marrone I 6
nera 12

I gradi ed i titoli sono diversi in alcune scuole. Le persone che hanno raggiunto il livello di cintura nera, avevano ricevuto titoli di origine cinese:

  • Sijo (in cinese: “il professore, il fondatore”) è il grado più alto. Rappresenta il fondatore della scuola. Questo titolo è usato da Adriano Emperado.
  • Sigung (“il grande padre”) rappresenta l’insegnante degli insegnanti – il sesto grado di maestria o sopra.
  • Sifu (“il padre”) rappresenta l’insegnante – dal terzo al quinto grado di maestria.
  • Sibak (“il fratello più vecchio”) rappresenta l’assistente dell’insegnante – la persona che aiuta nell’istruzione – sotto il terzo grado di maestria.

Le persone che hanno cinture nere dell’ottavo grado sono titolati “i professori”, il nono grado di maestria è “il grande maestro” (grandmaster).

Buon allenamento

Fonte Wikipedia e Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *