JUJITSU BECOMES JUDO

JUJITSU BECOMES JUDO

La lettura del libro “Kodokan Judo – Jigoro Kano” oltre ad averci arricchito culturalmente parlando, ci ha fatto pensare e riflettere. Quello che ancora una volta viene sottolineato giustamente sin dall’inizio del libro è l’importanza di unire l’energia mentale a quella fisica nonché l’intraprendere uno nuovo stile di vita. Tuttavia stavolta, ci è balzata agli occhi come, ancora una volta nelle arti marziali, anche in un contesto così distante negli anni, si sente aleggiare  una rivalità tra stili diversi.

Per il darvi un’idea di quello che intendiamo e per condividere la cultura nella storia delle arti marziali, vi mettiamo di seguito alcuni passaggi del capitolo  “JUJITSU BECOMES JUDO” . Questo piccolo estratto lo abbiamo tradotto noi dal libro in versione inglese, non perché non ci fidassimo della traduzione italiana o perché ci ritenessimo più bravi, ma solo perché alcuni capitoli del libro (Chapter 1, paragraphs 1 through 5 ofchapter 2 and paragraphs I through 3 pfchapter 3 were composed in English by Professor Jigoro Kano) sono scritti in inglese proprio dalla mano del fondatore del judo e per questo, abbiamo voluto (onorarci) leggere e tradurre in autonomia le sue parole esatte.

Lasciamo a voi ulteriori riflessioni,  noi, abbiamo avuto la sensazione che forse leggendolo si possa intravedere un modo di pensare diffuso anche nelle attuali arti marziali, qualcosa che richiama alla mente una critica, come se il percorso da cui si è partiti per i propri studi marziali sia si lodato, ma al tempo stesso ritenuto poco idoneo al futuro.

“Kodokan Judo – Jigoro Kano” – Cap.1 (JUJITSU BECOMES JUDO)

La maggior parte delle persone ha sicuramente familiarità con le parole jujutsu e judo, ma come molti possono distinguere tra loro? Qui, spiegherò i due termini e dì perché il judo è venuto a prendere il posto del jujutsu.

Molte arti marziali furono praticate in Giappone durante la sua età feudale: l’uso di la lancia, tiro con l’arco, scherma e molti altri.

Jujutsu era uno di questi.

Chiamato anche Taijutsu e Yawara, era coinvolto in un sistema di attacco lanciare, colpire, calciare, pugnalare, tagliare, soffocare, piegare e torcere

arti, immobilizzando un avversario e difese contro questi attacchi.

Sebbene le tecniche del jujutsu fossero conosciute fin dai primi tempi,

è stato praticato e insegnato sistematicamente solo alla seconda metà del sedicesimo secolo.

Fu durante il periodo Edo (1603-1868) che si sviluppò in un’arte complessa insegnata dai maestri di un certo numero di scuole.

Nella mia gioventù ho studiato il jujutsu sotto molti maestri eminenti la cui vasta conoscenza, frutto di anni di ricerca diligente e di ricca esperienza, fu di grande valore per me.  A quel tempo, ogni uomo ha presentato la sua arte come una collezione di tecniche. Nessuno ha percepito il principio guida dietro il jujutsu. Quando personalmente ho incontrato le differenze nell’insegnamento delle tecniche, mi sono trovato spesso confuso nel capire quale fosse l’esecuzione corretta. Questo mi ha portato a cercare un sottostante principio nel jujutsu, uno che si applicasse sia quando si colpiva che quando si era colpiti da un avversario.

Dopo uno studio approfondito del soggetto, ho potuto discernere un principio pervadente su tutte le tecniche: fare l’uso più efficiente dell’energia mentale e del fisica. Tenendo presente questo principio, ho rivisto di nuovo tutti i metodi di attacco e difesa imparati, mantenendo solo quelli che erano in accordo con il principio. Ho rifiutato quelli che non erano in accordo sostituendoli con tecniche in cui il principio è stato applicato correttamente. L’insieme delle tecniche derivate, che ho chiamato judo per distinguerlo dal suo predecessore, è ciò che viene insegnato al Kodokan. 

Le parole jujutsu e judo sono scritte ognuna con due caratteri cinesi. Il ju in entrambi è lo stesso e significa “gentilezza” o “cedimento”.  Il significato di jutsu è “arte, tatto,” e significa “principio” o “modo”,  termini intesi come il concetto della vita stessa.  Jujutsu può essere tradotto come “la gentile arte” , ” judo come “la Via della dolcezza “, con l’implicazione del primo comportamento da tenere per ottenere la vittoria.  

Il Kodokan è, letteralmente, “la scuola per studiare la Via”  Il judo è più che un’arte di attacco e difesa. E ‘uno stile di vita.

Per capire cosa si intende per gentilezza o rinuncia, se la mia forza è sette, dire ad un uomo davanti me, la cui forza è dieci.  Se mi spinge più forte che può, sono sicuro di essere respinto o abbattuto, anche se resisto con tutte le mie forze. Questa è la forza opposta con forza. Ma se invece di oppormi a lui, cedo il passo sulla sua spinta, ritirando il mio corpo e mantenendo il mio equilibrio, il mio avversario perderà il suo equilibrio e indebolito dalla sua posizione scomoda, sarà incapace di usare tutta la sua forza. Sarà caduto a tre di forza. Perché mantengo il mio equilibrio,la mia forza rimane sette. Ora sono più forte del mio avversario e posso sconfiggerlo usando solo metà delle mie forze, mantenendo l’altra metà disponibile per qualche altro scopo. Anche se sei più forte del tuo avversario, è meglio per prima cosa cedere.

In questo modo si risparmia energia mentre si estenuano le forze del tuo avversario. Questo è solo un esempio di come puoi sconfiggere un avversario cedendo. È stato proprio perché tante tecniche hanno fatto uso di questo principio che l’arte è stata chiamato jujutsu.  

……

……

Si può mostrare con diversi esempi che, allo scopo di lanciare un avversario il principio della leva è talvolta più importante che cedere.  

Jujitsu include anche altre forme di attacco diretto, come colpire con calci e pugni.  In questo senso, “l’arte di cedere” non trasmette il vero significato.  

Se accettiamo il jujutsu come l’arte o la pratica di rendere il più efficiente uso dell’energia mentale e fisica, allora possiamo pensare al judo come al modo, il principio, di fare questo, e arriviamo ad una vera definizione. 

Nel 1882 ho fondato il Kodokan per insegnare il judo agli altri.  Entro pochi anni, il numero di studenti è aumentato rapidamente. Sono venuti da ogni parte del Giappone, molti hanno lasciato i maestri del jujutsu per allenarsi con me.  Alla fine il judo soppianterà il jujutsu in Giappone, e nessuno parla più di Jujutsu come arte contemporanea  in Giappone, anche se la parola è sopravvissuta all’estero.”

Buona riflessione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *