Vale Tudo e Mixed Martial Arts – la storia

Vale Tudo

è uno sport da combattimento senza armi, a pieno contatto con poche regole. È diventato popolare in Brasile durante il XX secolo. Usa le tecniche di molte arti marziali e può essere considerato il precursore delle arti marziali miste.

Gli spettacoli di combattimento chiamati vale tudo divennero popolari come spettacoli circensi in Brasile durante gli anni venti. Esempi di questi incontri furono descritti nel corriere giapponese-americano il  24 settembre del 1928 che più o meno recitava così : “A Sao Paulo, in Brasile, la settimana scorsa, alla fine del circo, come attrazione finale e più brillante, fu organizzato un incontro di wrestling tra un gigantesco bahiano di colore senza nome e un piccolo, coinvolgente giapponese, di nome sconosciuto. Dopo alcuni minuti di lotta, il bahiano aveva il giapponese  sulle spalle; ma il giapponese rotolò, ridacchiando e alla fine della lotta era seduto come un primo ministro sul ventre cupo e ansante del suo avversario.

Il temine circense “vale tutto” non entrò nell’uso popolare fino al 1959-1960, quando fu usato per descrivere gli incontri interstile in uno show televisivo di Rio chiamato Heróis do Ringue (“Heroes of the Ring”). I registi e gli ospiti dello show hanno incluso membri della famiglia Gracie, tra cui Carlson Gracie e Carley Gracie esperti di brasilian ju jutsu. I partecipanti erano tutti professionisti legittimi dei loro stili. Una notte durante lo spettacolo, João Alberto Barreto (in seguito arbitro per UFC 1) stava gareggiando contro un uomo allenato a Luta Livre (disciplina brasiliana specializzata nel grappling al suolo senza kimono e nel combattimento libero). Barreto colse il suo avversario in una armbar e l’uomo si rifiutò di sottomettersi.  Barreto ruppe il braccio dell’uomo. Di conseguenza, lo spettacolo fu cancellato e presto sostituito da uno spettacolo di Wrestling professionale chiamato Telecatch.

Dal 1960 in poi, il Vale Tudo rimase principalmente come sottocultura sotterranea, con la maggior parte delle lotte che si svolgevano in dojo di arti marziali o piccole palestre. La sottocultura di Vale Tudo aveva base a Rio de Janeiro, ma i alcuni combattimenti si svolgevano anche nella regione settentrionale, in quella meridionale e nello stato di Bahia, dove è prevalente la Capoeira. L’antagonismo maggiore a Rio de Janeiro era concentrato principalmente sull’intensa rivalità tra il brasiliano Jiu-Jitsu e Luta Livre. I combattimenti nelle altre regioni hanno caratterizzato le sfide tra le arti marziali più disparate.

Negli anni ’70, Rorion Gracie della famosa famiglia Gracie emigrò negli Stati Uniti e inizio a introdurre il Vale Tudo in un nuovo mercato realizzando anche una serie di video di Gracies in Action prodotta dalla famiglia Gracie che ha mostravano gli studenti del Gracie jiu-jitsu sconfiggere i maestri di arti marziali di varie discipline come karate, kung fu e kickboxing.

Inspirato da questi video, Art Davie ha proposto a John Milius e Rorion Gracie, di organizzare un torneo a eliminazione diretta di otto uomini chiamato “War of the Worlds”. Il torneo includerà anche artisti marziali di diverse discipline che si dovevano affrontare in un combattimento senza esclusione di colpi per determinare la migliore arte marziale, cercando di replicare i sentimenti di eccitazione che Davie aveva visto sui video. Milius, noto regista e sceneggiatore, nonché studente di Gracie, ha accettato di essere il direttore creativo dell’evento. Davie ha redatto il business plan e ventotto investitori hanno contribuito al capitale iniziale per avviare WOW Promotions con l’intento di sviluppare il torneo in una serie televisiva.

Nel 1993, WOW Promotions cercò un partner televisivo e si avvicinò ai produttori di pay-per-view TVKO (HBO) e SET (Showtime), così come Campbell McLaren e David Isaacs al Semaphore Entertainment Group (SEG). Sia TVKO che SET hanno rifiutato, ma SEG – un pioniere della televisione pay-per-view che ha prodotto eventi insoliti come una partita di genere contro Jimmy Connors e Martina Navratilova – è diventato partner di WOW nel maggio 1993.

La SEG ha contattato il direttore artistico Jason Cusson per progettare il marchio “Octagon”, un pezzo distintivo per l’evento e Cusson è rimasto lo scenografo attraverso l’UFC.

SEG ha inventato il nome per lo spettacolo come The Ultimate Fighting Championship.

Alcune delle promozioni concorrenti degne di notane nello stesso periodo sono Desafio, Universal Vale Tudo Fighting e Brazilian Vale Tudo Fighting in Brasile e vari eventi di Vale Tudo sanctioned in Giappone, il più importante dei quali è stato Vale Tudo Japan. Tuttavia, le principali organizzazioni degli anni ’90 furono il World Vale Tudo Championship (WVC) e l’International Vale Tudo Championship (IVC), che occuparono un posto di rilievo poiché erano anche trasmessi su TV brasiliana e pay-per-view.

Il WVC e l’IVC erano basati nella capitale finanziaria brasiliana di San Paolo e hanno lanciato le carriere di molte delle stelle MMA di oggi. Tuttavia, dopo che lo stato di São Paulo ha proibito al Vale Tudo di essere uno sport, entrambe le promozioni sono andate in calo e non organizzano un evento dal 2002.

Tornando all’UFC ed alla WOW Promotions e SEG, loro hanno prodotto il primo evento, in seguito chiamato UFC 1, alla McNichols Sports Arena di Denver, in Colorado, il 12 novembre 1993.

Art Davie è stato anche il bookmaker e il sensale dello spettacolo. Lo spettacolo proponeva di trovare una risposta per le domande degli appassionati di sport come: “Un lottatore può battere un pugile?“.

Come per la maggior parte delle arti marziali dell’epoca, i combattenti solitamente avevano abilità in una sola disciplina e avevano poca esperienza contro gli avversari con competenze diverse. La trasmissione televisiva ha visto i kickboxer Patrick Smith e Kevin Rosier, Gerard Gordeau dal kyokushin, l’esperto di American Kenpo Zane Frazier, lo shootfighter Ken Shamrock, il lottatore di sumo Teila Tuli, il pugile Art Jimmerson e la cintura nera jiu-jitsu brasiliana (79 kg) Royce Gracie- fratello minore del co-fondatore dell’UFC Rorion, che Rorion ha scelto per rappresentare la sua famiglia nella competizione.

Le abilità di sottomissione di Royce Gracie si sono dimostrate le più efficaci nel torneo inaugurale, guadagnandosi il primo campionato del torneo UFC dopo aver presentato in successione Jimmerson, Shamrock e Gordeau. Lo spettacolo ha riscosso un enorme successo con 86.592 abbonati televisivi in ​​pay-per-view.
Quarter-finals Semi-finals Final
Netherlands Gerard Gordeau
(Savate)
TKO
United States Teila Tuli
(Sumo)
0:26
Netherlands Gerard Gordeau TKO
United States Kevin Rosier 0:59
United States Kevin Rosier
(Kickboxing)
TKO
United States Zane Frazier
(American Kenpo)
4:20
Netherlands Gerard Gordeau 1:40
Brazil Royce Gracie SUB
Brazil Royce Gracie
(BJJ)
SUB
United States Art Jimmerson
(Boxing)
2:18
Brazil Royce Gracie SUB
United States Ken Shamrock 0:57
United States Ken Shamrock
(Shootfighting)
SUB
United States Patrick Smith
(Taekwondo)
1:49

È contestato che i promotori abbiano voluto che l’evento diventasse un precursore di una serie di eventi futuri. “Quella mostra doveva essere solo una tantum”, ha detto il presidente dell’UFC Dana White. “E ‘andata così bene con il pay-per-view che hanno deciso di fare un altro e un altro, mai in un milione di anni questi ragazzi pensavano che stessero creando uno sport.”

Art Davie, nel suo libro del 2014 “Is This Legal?” , un resoconto della creazione del primo evento UFC, contesta la percezione che l’UFC sia stato visto da WOW Promotions e SEG come una tantum, dal momento che SEG ha offerto un accordo di sviluppo congiunto della durata di cinque anni a WOW.  Dice: “Chiaramente, sia Campbell che Meyrowitz condividevano la mia incrollabile convinzione che la Guerra dei Mondi sarebbe stata una serie continua di tornei di combattimento: una franchigia, piuttosto che una notte“.

Lotta senza differenza di peso

Senza classi di peso, i combattenti hanno spesso affrontato avversari significativamente più grandi o più alti e Royce Gracie ha usato il jiu-jitsu brasiliano nei primi anni dell’UFC per sconfiggere avversari di dimensioni e forza maggiori.  Keith “The Giant Killer” Hackney ha affrontato Emmanuel Yarbrough alla UFC 3 con uno svantaggio di 23 cm e 180 kg di peso.  Molti artisti marziali credevano che la tecnica potesse superare questi svantaggi di dimensioni e che un abile combattente potesse usare la forza e la forza dell’avversario contro di lui. Con i 79 kg di Royce Gracie che hanno vinto tre dei primi quattro eventi, l’UFC ha rapidamente dimostrato che le dimensioni non determinano sempre l’esito del combattimento.

Lo scopo delle prime competizioni di Ultimate Fighting Championship era quello di identificare l’arte marziale più efficace in una competizione con regole minime tra concorrenti di diverse discipline di combattimento come boxe,  jiu-jitsu brasiliano, sambo, wrestling, Muay Thai, karate, judo, kenpo e così via.

Qui va sottolineato ed enfatizzato che la base di questo sport sono le arti marziali, non esisterebbe MMA se non esistesse la singola arte marziale.

Durante questa prima parte dell’organizzazione, l’UFC mostrerebbe uno stuolo di diversi stili e combattenti. A parte la già citata Royce Gracie, Ken Shamrock e Patrick Smith, le competizioni hanno visto anche concorrenti come Dan Severn, Marco Ruas, Gary Goodridge, Don Frye, Kimo Leopoldo, Oleg Taktarov e Tank Abbott. Sebbene i primi eventi siano stati dominati dal jiu-jitsu, altri stili di combattimento hanno poi avuto il loro successo: prima lotta, wrestling, ground & pound,, kickboxing, karate e boxe. Hanno iniziato ad esistere i derivati come la dirty boxe ed alla fine si sono fusi gli stili in qualcosa di uniformato e ora conosciuto come arti marziali miste.

Pertanto negli eventi successivi, i combattenti iniziarono ad adottare tecniche efficaci da più di una disciplina, che indirettamente aiutarono a creare uno stile di combattimento che ha assunto un ruolo completamente separato e noto come MMA, le “arti marziali miste” di oggi .

Dal punto di vista organizzativo, nell’aprile 1995, dopo UFC 5 a Charlotte, North Carolina, Davie e Gracie vendettero il loro interesse per il franchising a SEG e sciolsero le Promozioni WOW.

Davie ha continuato con SEG come booker e matchmaker dello show, così come il commissario di Ultimate Fighting, fino al dicembre 1997.

Nel 2016, la società madre di UFC, Zuffa, è stata venduta a un gruppo guidato da William Morris Endeavour (WME-IMG) per $ 4,2 miliardi.

Con un accordo e un’espansione TV in Australia, Asia, Europa e nuovi mercati negli Stati Uniti, l’UFC è cresciuta di popolarità e ha raggiunto una maggiore copertura mediatica con un fatturato esorbitante.

L’Ultimate Fighting Championship (UFC) è oggi una società americana di promozione di arti marziali miste con sede a Las Vegas, Nevada, di proprietà e gestita dalla casa madre William Morris Endeavour.  È la più grande compagnia di promozione MMA al mondo e presenta i combattenti di livello più alto. L’UFC produce eventi in tutto il mondo che mettono in mostra dodici divisioni di peso e rispettano le Regole unificate delle arti marziali miste.

A partire dal 2018, l’UFC ha tenuto oltre 400 eventi.

Dana White è il presidente dell’UFC e ricopre questa posizione dal 2001. Sotto la sua amministrazione, l’UFC è diventata un’impresa multi miliardaria di dollari popolare a livello mondiale.

Ma torniamo da dove siamo partiti, Il Vale Tudo. A partire dai primi anni 2000, le nuove promozioni come Jungle Fight e Bitetti Combat hanno abbandonato le tradizionali regole del Vale Tudo a favore delle regole di arti marziali miste più sicure. Tuttavia, alcune promozioni hanno continuato a utilizzare le regole tradizionali, in particolare Meca World Vale Tudo e Rio Heroes. Oggi gli eventi di Vale Tudo si svolgono ancora in gran numero in tutto il Brasile. Tuttavia, a causa della natura violenta e sanguinosa dello sport, questi eventi clandestini a volte causano controversie nei media. I critici dello sport sostengono che gli spettacoli di Vale Tudo dovrebbero tutti adottare le regole MMA molto più sicure e non passibili di sanzioni in paesi come gli Stati Uniti e il Giappone.

I sostenitori di Vale Tudo affermano che le arti marziali miste che si sono sviluppate negli Stati Uniti sono ora così diverse dal Vale Tudo tradizionale che dovrebbe essere trattato come uno sport a parte, proprio come la kickboxing è considerata diversa dalla Muay Thai.

In conclusione, il vale tudo e l’UFC nascono entrambi come scontri tra le diverse singole arti marziali fino ad arrivare ad un qualcosa di commerciale che necessita di offuscare le singole arti marziali a favore dell’espansione mediatica un nuovo “stile” o sport da combattimento denominato Mixed Martial Arts.

Concludiamo con una speranza, ricordatevelo,  MMA/Vale Tudo/UFC non sono altro che una rappresentazione delle tecniche prese delle singole arti marziali e  proiettate sul grande schermo oppure combattute su un vecchio tatami di un garage nascosto, ma non dimenticatelo, sono e restano, le tecniche delle singole e negli ultimi anni bistrattate, vecchie ed educative arti marziali.

Buon allenamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *