Nippon Kempo – Masaru Sawayama

Masaru Sawayama

Nippon Kempo – le arti marziali di stile moderno

                                                                                                         We don’t need to learn history,

                                                                                                         we just need to know it.

Diverse arti marziali sono attualmente popolari e in particolare, il sistema di combattimento universale (UFS) che promuove un mix di stili e regole di combattimento. Ma pochissime persone conoscono il sistema Nippon Kempo (jp: 日本 拳法). Fu il primo sistema mix full contact ad essere utilizzato per combattere negli anni ’30 nella madrepatria dei Samurai. Il fondatore del combattimento corpo a corpo giapponese che divenne Nippon Kempo fu Masaru Sawayama.

Nacque il 12 dicembre 1906 nella famiglia di un nobile clan Nakaoke. Era un bambino debole. Era difficile per lui andare a scuola a piedi. Questo fino all’età di 13 anni (tredici). All’epoca in Giappone apparvero diversi tipi di sport occidentali: baseball, pugilato, bodybuilding, ecc. I giovani giapponesi si affezionarono a queste nuove tendenze. Riviste e libri che rendevano popolare lo sport occidentale provenivano dall’Europa. I negozi sportivi iniziarono a vendere bilancieri, manubri, espansori e altre attrezzature sportive di esotica civiltà occidentale.

Masaru sentì l’influenza di tale espansione e decise di cambiare – un uomo deve essere forte! Per questo iniziò il bodybuilding e le arti marziali. E nel giro di alcuni anni si  trasformò in un giovane forte, con un corpo perfetto.

Uno dei fondatori dei metodi occidentali di preparazione degli sportivi in ​​Giappone, il leggendario Jigoro Kano (fondatore del Judo) ha avuto una grande influenza sulla vita e lo sviluppo di Sawayama Masaru. Nel 1904 Jigoro Kano implementò e rese popolare il sistema di bodybuilding di Yevgeniy Sandov. Jigoro Kano era un uomo istruito; poteva andare in giro per il mondo e in Europa e trovare diversi metodi di allenamento. Prestò attenzione al sistema di bodybuilding e fu il primo a usare bilancieri, manubri ed estensori nel judo.

Nel 1926, quando Sawayama Masaru andò alla facoltà di giurisprudenza dell’Università Kansai di Osaka, era un giovane perfettamente sviluppato.

All’università entrò per il judo e ottenne il Quinto Dan (Shihan). Si trasformò nel difensore dei più deboli.

Sawayama Masaru era un abile combattente, un buon organizzatore e leader e il capo della squadra di judo universitaria.

All’università Sawayama si interessò alle tecniche di combattimento con calci e pugni. Pensava che non fossero usate abbastanza nel judo e nel ju-jitsu.

La base dell’addestramento di judo era randori – attacchi liberi che avevano determinate regole.

Questo allenamento, lascia che i combattenti sviluppino abilità utili come la reazione e la distanza, decidano tattiche e usano tecniche per combattere gli avversari. Ma le regole randori non hanno permesso l’uso delle tecniche di percussione.

Queste regole resero gli sportivi al sicuro e protetti da gravi ferite. I combattenti usavano percussioni in aree di attacco vitale, solo nei kata. Ma Sawayama pensava che l’uso della sola tecnica nel kata non permettesse agli atleti di dominare la lotta ad alto livello. La comprensione di ciò lo portò a esplorare vecchie scuole di budjutzu (jp: 武術: じ ゅ つ) (arti marziali) famose per le sofisticate tecniche di colpire in atemi (aree vitali). Passò molto tempo alla ricerca di antichi manoscritti che descrivessero queste tecniche e comunicazioni con i maestri che vivevano ad Osaka in quel periodo.

Negli anni 1920 diversi sistemi di combattimento come il pugilato europeo, il karate-do di Okinawa e il pugilato thailandese apparvero in Giappone. Osaka divenne il centro di attività di maestri di diversi sistemi di arti marziali. Grazie a questo Masaru poté frequentare corsi di formazione e master classes di diversi stili e scuole di arti marziali. Egli confrontò vantaggi e svantaggi delle tecniche di calci e colpi. Arrivò alla conclusione che le vere arti marziali come l’antico bujitsu devono includere tecniche per colpire con calci, pugni, leve articolari e abilità per resistere a una persona armata. Quindi decise di creare un sistema di combattimento sintetico, applicato, di uso pratico.

Dopo aver appreso dal maestro del karate di Okinawa e dal fondatore del karate-do Shitoryu Kenwa Mabuni, Sawayama fondò il Centro per lo studio Tode alla Kansay University. Tode è il termine generale per le arti marziali di origine cinese.

Questa organizzazione divenne il principale centro per lo studio del karate-do nella regione del Kansay. Maestri di diversi stili di combattimento hanno dato seminari e lezioni qui.  Invitarono il fondatore dello stile Gojiryu Miyagi Chijuni e il maestro cinese dello stile Bahei Tzhuan Hu Siangui 白鹤 拳, il cui metodo ha influenzato molte scuole di Gojiryu e Shitoryu, per dare lezioni all’università Kansai all’inizio degli anni ’30. Le loro esibizioni e metodi di insegnamento hanno promosso il crescente interesse delle persone nei distretti vicini di Osaka all’arte marziale di Okinawa.

Mabuni ha usato i tradizionali metodi di karate di Okinawa quando ha allenato Masaru. Le lezioni erano individuali e ai kata veniva prestata molta attenzione. Tuttavia, questo approccio non ha soddisfatto il giovane uomo d’azione. Insieme ai membri del Center for Tode Study ha iniziato a sviluppare i metodi di studio delle tecniche di strike e kicking e il sistema di combattimento a pieno contatto. Sawayama nella sua ricerca si diede tre obiettivi:

  1. Evitare l’uso di una tecnica atemi con scopi malvagi;
  2. Rendere la tecnica atemi sicura per proteggere i combattenti dagli infortuni;
  3. Trova la tecnica atemi più efficiente.

Sawayama ha cercato di raggiungere questi obiettivi in ​​modi diversi che non sempre hanno avuto successo.

Nella prima fase del suo lavoro Masaru sviluppò e usò tre tipi di sparring: yakusoku-kumite, juiji-kumite e senken-kumite. Più tardi, sono diventati un tipo – jui-kumite. Mentre lo yakusoku-kumite sparring (quando l’avversario dice quello che sta per fare) gli studenti hanno colpito e preso a calci secondo le istruzioni dell’insegnante. Ciò ha reso l’attività relativamente sicura.

Jui-kumite è un sparring libero. Sawayama lo descrisse come una specie di sparring quando i combattenti usano liberamente tecniche offensive e difensive. Tuttavia, l’attaccante colpisce e calcia e aspetta l’avversario per usare una tecnica protettiva. L’idea principale è quella di praticare diverse tecniche di protezione liberamente e contrattaccare. È un metodo “go-no-sen” (abilità per contrattaccare dopo aver resistito all’attacco dell’avversario) con ruoli delineati.

Alla fine, ma non meno importante è sinken kumite. È uno sparring con combattimento libero con “hikite”, una percussione è portata con il ritorno della tecnica, che é fondamentale sia per la velocità che per equilibrare le forze espresse. E ricorda lo sparring nel moderno sistema di karate WKF. Questo sistema di formazione si sviluppò nell’autunno del 1930 e divenne standard per il Center for Tode Study della Kansay University.

L’uso attivo delle tecniche di judo e jujitsu nello sparring fece interrogare i membri del Centro, per capire se stessero facendo karate o se stessero creando un nuovo tipo di budo indipendente, che aveva il diritto di esistere.

Nell’autunno del 1932 Sawayama Masaru, dopo sette anni di studi presso la facoltà di giurisprudenza, organizzò un incontro dei leader del Centro per lo studio Tode: Yano Fumio, Yagi Suiti, Yamada Reniti, Nakano Mizuru, Kuroyama Takamaro, Takeiti Kazuaki e Tyadani Kintoshi. In quella sede dichiararono la nascita di un nuovo tipo di budo. Lo chiamarono Dai Nippon Kempo (Kempo del Grande Giappone) e il loro Centro si chiamava Dai Nippon Kempo Kai (Kempo del Great Japan Center). Sawayama fu eletto presidente. Va detto che tutti i leader del Centro erano maestri di diversi stili di combattimento. Kuroyama Takamaru era un insegnante di judo del dipartimento di polizia principale di Osaka. Era il migliore amico di Masaru e insieme hanno creato il motto “Sviluppa il corpo e la mente praticando judo e kempo per servire il tuo paese e le persone”.

Questa opposizione ha complicato le relazioni tra Sawayama e Kenwa Mabuni. Tuttavia, il creatore di un nuovo stile di combattimento e il suo insegnante hanno continuato i rapporti commerciali. Mabuni seguì la ricerca metodologica approfondita dello studente. Cercò nuove forme di combattimento che rendessero il processo di allenamento ancora più efficiente.

Sawayama ha rifiutato la pratica del kata di base e si è concentrato su attacchi liberi. Ma l’esperienza ha dimostrato che, in primo luogo, sparring con contatto limitato non avrebbe avuto un effetto reale. In secondo luogo, non avrebbe reso i combattimenti sicuri perché durante il combattimento, poteva essere pericoloso il pieno contatto. Questo è il motivo per cui molto presto, dopo la fondazione Dai Nippon Kempo Kai, i suoi leader hanno iniziato esperimenti con diversi tipi di indumenti protettivi. Alla fine, hanno deciso di utilizzare attrezzature speciali: bogu: elmetto con barre per protezione facciale (uomo), armatura pettorale (dou), inguine (matate) e guantoni da boxe (gurubu). Questo equipaggiamento permette di colpire e colpire con tutte le forze, fare tecniche di percussione, leve articolari in sparring e lotta a terra. Il principale vantaggio era che i combattenti potevano portare percussioni di gambe e braccia a pieno contatto senza gravi ferite all’avversario. Questo è diventato la principale caratteristica del Nippon Kempo.

Assenza di categorie di peso, calci all’inguine, allenamento di resistenza e spirito sono i principali vantaggi dei sistemi di Sawayama. La pratica sistematica del kumite è il modo per combattere lo sviluppo e il controllo dello spirito. Rende questo tipo di esercizio un mezzo importante ed efficace per allenare e sviluppare il coraggio.

L’implementazione della pratica sparring in bogu permette ai combattenti di utilizzare la più ampia gamma di tecniche durante l’incontro e di avere competizioni su vasta scala. Gli studenti di Sawayama si scambiarono potenti attacchi, tirando e usando leve articolari mentre stavano in piedi e cadendo sul pavimento, continuarono a combattere a terra, usando abilmente le tecniche del karate, del pugilato, del judo e del jiu-jitsu. Questo tipo di sparring è stato introdotto dal Dai Nippon Kempo Kai nel 1934 con il primo torneo ufficiale di combattimento bogu. Il torneo fu tenuto nel dojo principale (jp: 道場) dell’Associazione Kokai,  della quale alcuni membri, hanno praticato il Nippon Kempo.

Lotte spettacolari con un sacco di colpi belli e potenti, calci e leve articolari, impressionarono e ispirarono i giovani, in particolare, studenti universitari. Fu l’inizio del  Nippon Kempo. Nel 1936 fu aperto il Nippon Kempo Club all’Università Kakai Gakuin. Le competizioni tra le squadre delle università Kansai e Kansai Gakuin hanno attirato molti spettatori. Nel 1936 si tenne il primo torneo pubblico di Dai Nippon Kempo e nel 1939 si tenne il primo campionato in Giappone.

Il Giappone partecipò alla seconda guerra mondiale.

Nel 1940 Sawayama si unì all’esercito imperiale giapponese e andò in Cina. Nella seconda guerra mondiale furono uccisi molti insegnanti e studenti di arti marziali. Nel 1946 quelli che sopravvissero si radunarono per continuare la loro attività comune nella lotta giapponese, mano a mano in via di sviluppo. Ricominciarono gli allenamenti di Nippon Kempo in un dipartimento di polizia di Osaka. Nel 1947 Sawayama aprì l’associazione Nippon Kempo (il nome non ha “dai” – “grande”).

Nel 1953 insieme a 70 studenti presentò con successo il sistema Nippon Kempo a Tokyo. Di conseguenza diverse università organizzarono i propri club di Nippon Kempo.

C’è una tradizione giapponese per cambiare un cognome quando una persona diventa famosa. Così, Sawayama Masaru divenne Sawayama Muneyomi. Dal 1954 l’insegnamento costante degli istruttori di Nippon Kempo è condotto nell’università Kansai di Osaka. Nel 1954 il Nippon Kempo fu incluso nel curriculum della Kansai University. Nel 1958, l’Associazione Nippon Kempo Kyokai iniziò a lavorare intensamente nei dipartimenti delle Forze di autodifesa del Giappone e nelle scuole per la polizia.

Nel 1964 Sawayama finì di lavorare sul sistema di kempo nipponico e pubblicò il suo libro Spirit and Philosophy of Nippon kempo. Nel 1967 divenne professore all’Università di Osaka. Nel 1971 ha scritto «Warera no shinjo» (premesse e istruzioni spirituali per coloro che praticano il kempo giapponese).

Nell’agosto del 1976, si tenne il primo campionato con i rappresentanti dei paesi occidentali, infatti, fu il primo torneo mondiale, ad Osaka.

Dopo una lunga malattia, il 27 settembre 1977, il fondatore del sistema Nippon Kempo morì lasciando una rivoluzione nelle arti marziali del Giappone e creando il primo sistema di arti marziali miste. Lo ha fondato come un sistema applicato di uso pratico che fornisce sviluppo filosofico e spirituale.

Oggi grazie a Sawayama abbiamo un sistema originale di Arti Marziali che non è simile a nessun altro sistema. Ha una struttura rigorosa e non è una semplice raccolta di tecniche diverse. Il nippon kempo non è solo un’arte di routine come l’ikebana o la cerimonia del tè e non lo sarà mai. Questa arte di combattimento sviluppa abilità che possono aiutare nella vita reale.

Il combattimento corpo a corpo giapponese di Nippon Kempo è la realizzazione dello sviluppo di fitness e tecniche, nonché della concentrazione di potere e spirito di un combattente – kihaku (気 迫).

IF YOU HAVE TIME, EXPAND NIPPON KEMPO!

(Sawayama, 1962)

 

tradotto da : https://nipponkempo.com.ua/article/the-history-of-nippon-kempo/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *