black belt world’s leading magazines of self defence – February 1966


Nippon Kenpo in the USA

una sintesi estratta dalla rivista “Black Belt world leading magazines of serf defence” del mese di febbraio anno 1966.

Goki Kinuys porta il Nippon Kenpo negli Stati Uniti.

Arriva negli Stati Uniti il Nippon Kenpo sconosciuto nel paese fino al 1961, la cintura di trasmissione del Kenpo in America, si presentava sotto forma di un uomo d’affari di 26 anni, trasferito a Los Angeles dalla sua compagnia Giapponese. È Goki Kinuya, ex star del kenpo in Giappone e studente di Sawayama. Appena arrivato, Kinuya non perse tempo e organizzò un gruppo di studenti di kenpo. Non c’è nessuna abilità e iniziarono a praticare nel cortile di un giornale giapponese-americano, Kashu Mainichi. La domenica, quando il giornale era chiuso, si esercitavano in un parcheggio vuoto, facendo sbigottire molti passanti in quel quartiere di East Los Angeles. Da allora, Kinuya stima che più di mille le persone sono passate sotto l’influenza del Nippon Kenpo.

Attualmente (ricordiamoci che la pubblicazione da cui è tratto il brano è del 1966) ha 250 studenti, la maggior parte di essi nel sud della California, i suoi studenti spaziano come età tra i 5 e i 50 anni,  da ricchi uomini d’affari a studenti universitari a operai in fabbrica. Kinuya ritiene che l’arte stia raggiungendo nel Stati Uniti il punto da cui può iniziare ad espandersi. Uno dei più grandi problemi era la mancanza di istruttori adeguati da diffondere l’arte. Ma ora, dopo quasi cinque anni, Kinuya sente di aver costruito un nucleo di praticanti di Kenpo adeguatamente formati da cui iniziare a espandersi.

In questa arte marziale, l’azione è veloce ed esiste contatto con il corpo e con le ossa.  Ma questo è il modo in cui i seguaci di un’arte marziale realistica, si godono il duro contatto e combattono nel  corpo a corpo. I praticanti di Nippon Kenpo, un’arte marziale giovane ma di livello elevato, conoscono una ampia varietà di tecniche. È davvero un’ amalgama ben riuscita di diverse arti marziali – Judo, Karate, aikido, etc.

Le forme nel kenpo ruotano attorno a quattro tecniche base: calci, pugni, proiezioni e leve. Uno dei colpi preferiti è il calcio circolare al viso.

Il Nippon kenpo non è, come ci si potrebbe aspettare, un’arte marziale leggera.  Il fondatore stesso del Nippon Kenpo negli Stati Uniti, Goki Kinuya, ne sottolinea l’approccio duro.

“Forza e velocità è quello che cerco di imprimere nei miei allievi.” Questo disse Kinuya durante un’intervista a Black Belt. I seguaci del Kenpo tendono ad essere una razza diversa. Molti di loro hanno studiato in precedenza altre arti marziali e hanno cambiato poiché era raro l’approccio al combattimento.  Il loro entusiasmo lascia intendere che con gli altri stili si sentivano limitati o frustrati, nel dover trattenere i loro colpi. Secondo loro traggono dal kenpo grande soddisfazione e arricchiscono la conoscenza della loro arte di provenienza attraverso il contatto dei colpi, reso possibile dal kenpo. Anche le donne possono praticare il kenpo e talvolta laddove volessero evitare il contatto scegliendo solo di praticare le forme (i kata e i khion). Indossano guanti, protezioni per il petto, maschere per il viso, arti specializzate in uno stile morbido.

Prima di affrontare una sessione di sparring, i praticanti devono indossare equipaggiamento protettivo. Quando è completamente vestito, uno studente di kenpo sembra qualcosa come un catcher di basebail che è incappato accidentalmente in un dojo.

I contendenti indossano guanti, protezioni per il busto e per il viso e una speciale imbottitura pesante nella zona inguinale. Gli articoli sono fabbricati in Giappone e una protezione completa costa intorno ai 59$ (ricordiamoci sempre che è il 1966).

All’inizio gli studenti kenpo non sono mai autorizzati a sostenere lo sparring a pieno contatto. Praticano un periodo di studio intenso e pratica delle forme prima di essere autorizzati ad indossare le protezioni del combattimento. Durante questo periodi inoltre studiano i punti vitali del corpo. Questo anche perché le armature protettive del combattimento lasciano comunque scoperti diversi punti del corpo e gli studenti durante lo sparring devono imparare ad evitarli per la tutela del compagno e di se stessi. Tuttavia il kenpo è un’arte abbastanza libera nelle tecniche utilizzabili.

La libertà tecnica

Ha spiegato durante l’intervista che il Nippon kenpo non è caratterizzato, come alcune altre arti, con uno stile rigido e formale. Grande importanza si pone invece la libertà di stile e all’approccio individuale.

Gli studenti principianti si dedicano intensamente alle forme (kata e khion) e più si diventa avanzati più si predilige la pratica.  Ma la forma è scoraggiata in alcuni contesti. Gli studenti sono incoraggiati a fare pieno uso delle varie tecniche del Kenpo, dimostrando di saper cambiare la loro tattica e improvvisare quando si è impegnati faccia a faccia in una gara.

“Se segui la forma, allora il tuo avversario potrebbe essere in grado per indovinare le tue prossime mosse “, dice Kinuya.

Quando la protezione si indossa, la forma si accantona, ed è necessario sostituirla con potenza, velocità, concentrazione e  agilità. Queste capacità, in combinazione con i vari calci, pugni, proiezioni e leve, creano un attacco formidabile. Tuttavia, c’è un altro lato della medaglia,  viene spesso sollevata una questione sul fatto che, forse, le adesioni al kenpo si stanno diffondendo troppo, rischiando di coprire anche altre arti marziali.

Un purista potrebbe sostenere, ad esempio, che il modo migliore per realizzare se stessi è concentrarsi su una delle arti di base e padroneggiarla completamente piuttosto che prendere solo alcuni degli elementi delle varie arti.

Kinuya, che ha insegnato il kenpo all’esercito giapponese e  alla polizia di Tokyo è a conoscenza di tali commenti. Egli è il primo ad ammettere che ad esempio, i suoi studenti sarebbero sconfitti  in una competizione di judo puro. Ma il praticante di kenpo non è interessato a una competizione esclusivamente con le regole del judo. Lascia al judoka queste competizioni. È la varietà di tecniche, combinata con la velocità e forza, che lo interessa. E a causa dell’incoraggiamento nella libertà di stile, l’elemento sorpresa è un fattore importante nel suo attacco.

Qui si conclude la sintesi dell’articolo e per finire, sottolineiamo che, a distanza di mezzo secolo dalla data di pubblicazione della rivista, il Nippon Kenpo, ha dimostrato di essere un’antesignano delle Mixed Martial Arts, manifestando precocemente che arti marziali e sport, possono coniugarsi ed evolvere ! Osu !

Buon allenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *