Henka nel Jujutsu

In Jujutsu si impara a rispondere ai movimenti dell’avversario attraverso l’uso di forme e tecniche. Fino a quando il praticante di JuJutsu non si abitua a muovere le proprie braccia e le sue gambe all’unisono, tuttavia, lui o lei non sarà in grado di rispondere o controllare la henka dell’avversario.

Il meraviglioso uso della natura appare attraverso la

transizione tra in e yo, e attraverso questo meraviglioso uso

si può capire il kyojitsu dell’avversario.

In-Yo

Rappresenta essenzialmente l’interazione dinamica di tutta l’esistenza – l’interazione tra duro e morbido, tensione e rilassamento, inspirazione ed espirazione, attività e riposo, risveglio e dormire.  IN-YO significa uno stato di “armonia creativa” o “equilibrio dinamico” – uno stato ottimale dell’essere. (il termine giapponese: in-yo si può probabilmente allineare al concetto cinese di yin-yang). Sole e Luna, Cielo e Terra, Cosmo e Natura, Fisicità e Spiritualità

Kyojitsu

E’ una parola composta da due kanji contrastanti. Jitsu (intero) si riferisce alla condizione di essere completamente innescato, mentalmente e fisicamente. Armato come una pistola con un grilletto. Kyo è l’opposto di jitsu. Si riferisce a “buchi” nella postura mentale o fisica. In poche parole, jitsu significa guardia e kyo non sorvegliato. Se tu e il tuo avversario siete in uno stato di jitsu, questo si tradurrà in una situazione di stallo. Jitsu si scontrerà con il jitsu. Se kyo attacca jitsu, kyo ne uscirà al secondo posto. Se jitsu attacca kyo, allora addio kyo. Mentre affronti un avversario, è cruciale essere in grado di identificare jitsu e kyo e mascherarlo in te stesso. Evitare di colpire l’avversario quando lui / lei è in modalità jitsu e assente nel suo stato kyo. Idealmente, dovresti essere in grado di rimanere in jitsu per l’intero incontro ma un avversario forte sarà in grado di destabilizzare la tua mente e oscillerai tra i due stati.

Jitsu più forte e più duraturo si matura con anni di allenamento, ma ogni tua mossa comporterà un buco da qualche parte. Ad esempio, quando stai per scatenare un attacco, questo diventerà evidente nei movimenti sottili della tua postura o delle tue mani e una volta che inizi non puoi fermarti. Un avversario forte può convincerti a fare una mossa in modo che possano scovare questo piccolo foro mentre si manifesta. In altre parole, mostra un buco per attirare l’avversario nel jitsu. Le quattro debolezze della mente – paura, sorpresa, dubbio ed esitazione – sono anche buoni esempi di buchi nella propria armatura spirituale che porteranno a una morte se capitalizzati dal jitsu dell’avversario. L’atto di pressare l’avversario e indurlo in uno stato di kyo si chiama seme..

Questo kyojitsu varia all’infinito.

Osservando i luoghi in cui varia, possiamo capire il luogo in cui si ripete: la base.

Quando non conosciamo la base, le tecniche non saranno chiare e non saremo in grado di fare applicazioni o henka. Pertanto, abbiamo bisogno di sapere o vedere la base per essere in grado di rispondere all’henka dell’avversario. È importante non impegnarsi in alcuna tecnica specifica quando si risponde all’attacco dell’avversario. Se si risponde solo in difesa senza comprendere la forma, uno finisce per ostacolare se stesso e non può rispondere o adattarsi. Al contrario, si finisce per essere presi dal kyojitsu dell’avversario. Perciò, si entra senza fermarsi e ci si ritira senza lasciare traccia, non essendo né preoccupato di difendere né attaccare, seguendo le leggi della natura, senza forza, gettando via ogni traccia di sé. Solo così si può cavalcare sulla forma dell’avversario. Pensando come si fosse sulla cima di un’onda che è al suo apice. Lo chiamiamo “il fluttuare sull’onda”. Proprio come se fossi fluttuante su un’onda, in grado di sentire il centro di equilibrio dell’avversario. Usando i fianchi e le forze di gravità per distruggere quel luogo dove è sentito, quindi usando sabaki per spostarsi nella direzione in cui è l’avversario è debole e può essere distrutto, dove possiamo eseguire un kata appropriato. Questo kata è lo stesso delle mosse standard di apertura nel gioco giapponese di Go. Tuttavia, sebbene si dica “mosse standard”, la sostanza è completamente diversa. Questa ‘sostanza’ è la sottigliezza in henka dove si trovano dentro e fuori, e acquisendo un senso per questa sottigliezza, noi usiamo liberamente i meravigliosi meccanismi della natura. L’oggetto di henka è uno: buttare via ogni traccia di te stesso, cavalcare sopra il nemico, fare henka in base alla direzione di quella forma, e poi tornare all’inizio.

Asayama Ichiden Ryii Taijutsu Written by Iwaki Hideo (Con l’aggiunta di qualche nostra interpretazione di IN-YO e Kyojitsu)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *