proiezioni fortuite

le proiezioni fortuite

Ho avuto diversi maestri e sicuramente ne avrò ancora, una cosa certa me l’hanno insegnata, in condizioni di kumite, randori, combattimento, una tecnica di braccia o di gambe fortunata (quella della domenica per intenderci) può anche succedere che entri.

Al contrario, una proiezione non può succedere “fortunatamente”, se la studi ( dallo sbilanciamento dell’avversario alla posizione del corpo ed esecuzione) e la provi tante volte potresti anche riuscire un giorno ad utilizzarla, le percussioni fortunate esistono, le proiezioni fortunate, non esistono.

le proiezioni vanno costruite, guadagnate e forse un giorno si riesce anche ad eseguirle efficacemente.

La domanda spontanea di fronte alle suddette affermazioni è, ma allora è più difficile fare una proiezione che tirare bene un calcio o un pugno ? Nello specifico non  è una questione di difficoltà, è un discorso di meccanica della tecnica, una percussione coinvolge meno parti del corpo ed ha una biomeccanica se vogliamo più semplice e soprattutto  grossomodo può prescindere dall’uso della forza dell’avversario nonché dalla sua posizione.

In sintesi, sicuramente eseguire una percussione perfetta è complicatissimo, tuttavia può succedere di mettere a riposo un avversario con una tecnica sporca di percussione, altrettanto sicuramente è raro o improbabile eseguire una tecnica sporca di proiezione che scientificamente atterri un avversario.

Buon allenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *