Cronologia del Karate Bōgu-tsuki

Il Karate Bōgu-tsuki 防具 付 き 空手 è uno dei vari metodi utilizzati per le competizioni di Karate. Significa letteralmente “karate indossando equipaggiamento protettivo”. Si riferisce a combattimenti di karate a contatto pieno in cui l’equipaggiamento protettivo viene indossato dai partecipanti.

Terminologia

Terminologia

Negli stili koryū giapponesi sono stati sviluppati e utilizzati vari tipi di dispositivi di protezione per la pratica delle arti marziali sicuramente durante l’era Edo,  tuttavia, per quanto riguarda il termine bōgu, non vi sono materiali storici che ne testimonino l’uso prima della Restaurazione Meiji (1868). Anche a Ryūkyū prima del 1872-1879, non ci sono fonti storiche per il termine bōgu e inoltre non ci sono fonti che indichino l’addestramento usando speciali dispositivi di protezione di alcun tipo, ad eccezione delle rare menzioni di armature tipicamente usate dai militari.

In realtà il termine bōgu venne usato durante l’Era Meiji (1868-1912), quando l’esercito giapponese fu rimodellato sullo stile degli eserciti occidentali. Nel 1889 fu compilato il “Manuale di scherma” (Kenjutsu Kyohan 剣 術 教 範), che delineava i metodi militari ufficiali di :

  • Kenjutsu (spada),
  • guntō-jutsu (sciabola),
  • jūkenjutsu (baionetta),

adattato dall’esercito imperiale giapponese riprendendolo dai loro istruttori occidentali. Nella parte jūkenjutsu (baionetta), è stato stabilito che, “L’equipaggiamento del Jūkenjutsu può essere diviso in due tipi: l’arma e il bōgu” e  “Il bōgu è composto dal men  uomini, dō [con tare attaccata], spalline e kote.”

Questo è il primo riferimento noto per il termine bōgu nelle fonti giapponesi. Bōgu si riferiva quindi ai dispositivi di protezione individuale utilizzati per praticare le arti marziali militari in stile occidentale dell’epoca.

Generalmente si intende :

  • il Men protegge testa/gola e/o spalle,
  • il Do protegge il petto e l’addome,
  • i Kote  protegge mani e polsi (anche con i guantoni),
  • il Tare protegge cosce/inguine
  •  

Di seguito il passaggio in questione contenuto nel “Kenjutsu Kyohan” 剣 術 教 範, 1889. National Diet Library.

Generi

Il Karate Bōgu-tsuki è anche chiamato Bōgu Karate 防具空手 e Purotekuto Karate プロテクト空手プ ロ テ ク ト 空手 (karate protettore).  Tra i Bōgu-tsuki Karate esiste anche il metodo chiamato Kōshiki Karate 硬式 空手 (karate in stile duro) con il suo caratteristico sistema a punti. Il termine kōshiki 硬式 significa “stile duro” ed è particolarmente usato come termine comparativo per indicare una versione regolare e non ammorbidita, come nel baseball vs softball e tennis vs. softball-tennis.

Di seguito un Bōgu usato nel Renshinkan (Zen Nihon Shōrin-ji-ryū Karate-dō Renmei). È il tipo più antico usato nel Karate Bōgu-tsuki (tranne Kendō Bōgu, Baseball o altri dispositivi di protezione presi in prestito). Da sinistra: protezione per la testa (men 面), protezione per il petto (dō 胴), protezione per le mani (kote 小 手). A volte vengono utilizzati anche parastinchi.

Il Karate Bōgu-tsuki si riferisce all’allenamento di kumite e alle competizioni condotte dai partecipanti con indumenti protettivi e con impatto reale dei colpi. Poiché l’uso del bōgu originariamente fu introdotto da parte di alcuni esperti di karate prebellici e poiché l’equipaggiamento protettivo (bōgu) e le regole del kumite erano stati intenzionalmente migliorati e perfezionati nel corso di molti anni nell’era del dopoguerra, le organizzazioni che praticano il Karate Bōgu-tsuki sono classificate come scuole tradizionali di karate.  In senso lato è una sorta di karate a pieno contatto e la sua attuazione ha infine preceduto il moderno karate sundome (senza contatto).

Come format di competizione del karate, la storia del Karate di Bōgu-tsuki è anche più antica di quella del sundome (senza contatto con il nuovo JKF) e di quella con regole a contatto completo non protetto (Kyokushin ecc.). Il primo torneo nazionale nel mondo del karate si è svolto anche secondo le regole del Bōgu-tsuki. Tuttavia, sin dalla fondazione del nuovo JKF negli anni ’60, le regole sundome (senza contatto) sono il format principale nel kumite karate.

Nella percezione pubblica del karate, e principalmente a causa delle attività di marketing e della copertura mediatica, il Karate Bōgu-tsuki è molto indietro rispetto alle modalità di sundome (senza contatto) di JKF / WKF e full-contact  (Kyokushin ecc.) , che si traduce in una presentazione obliqua di ciò che il karate era effettivamente ed è, o di come il karate è diventato quello che è oggi. Inoltre, per quanto riguarda il Karate di Okinawa del dopoguerra, era stato raramente osservato che anche il kumite di bogu del dopoguerra a Okinawa ebbe origine direttamente nello sviluppo del Karate Bōgu-tsuki sulla terraferma. Pertanto, in questo articolo provo a correggere questa presentazione obliqua.

Attività prima della guerra

Funakoshi Gichin partecipò alla prima Mostra di educazione fisica nel 1922, sponsorizzata dal Ministero della Pubblica Istruzione subito dopo, colse l’occasione e si trasferì a Tōkyō per insegnare karate. Contrariamente all’allenamento del karate a Okinawa, che enfatizzava l’istruzione dei giovani e degli studenti di kata, nella terraferma si tentava la creazione di sparring combinato (yakusoku kumite) e l’implementazione di sparring libero (kumite shiai).

Di seguito una foto di un Kumite all’università imperiale di Tōkyō nel 1929

Nel 1927 il Karate Kenkyūkai 唐 手 研究 会 dell’Università Imperiale di Tōkyō ideò indipendentemente il Karate Bōgu-tsuki e vi eseguì match di karate. Questo è stato guidato da Bō Hideo 坊 秀 男 (1904–1990), in seguito presidente del Wadōkai e ministro delle finanze giapponese. Funakoshi, lo shihan all’epoca, era arrabbiato per questa mossa. La situazione si intensificò fino a quando nel 1929 Funakoshi si dimise come lo shihan dell’Università Imperiale di Tōkyō. La motivazione di Funakoshi nel negare gli sparring di Karate Bōgu-tsuki è sconosciuta, ma secondo i suoi primi discepoli Ōtsuka Hironori 大 塚 博 紀 (1892–1982; Wadō-ryū) e Konishi Yasuhiro 小 西康 裕 (Shindō Jinen-ryū 神道 自然 流), quando Funakoshi nel 1922 a Tōkyō ha portato 15 kata originali, erano tutto ciò che insegnava e pertanto difficilmente accettava la parte del kumite.

Immagine di Yabu Kentsū in un Bogu-tsuki Kumite

D’altra parte, a Okinawa la pratica del kumite con equipaggiamento protettivo iniziò con Yabu Kentsū (1866-1937) presso la scuola normale della Prefettura di Okinawa, e si dice che anche Miyagi Chōjun (1888-1953) lo avesse sperimentato. Inoltre, c’era lo studente Tōyama Kanken 遠山 寛 賢 di Itosu, che si trasferì a Tōkyō nel 1931 e aprì lo Shūdōkan 修道 舘 come dōjō per insegnare il legittimo karate di Okinawa sulla terraferma. Originariamente fondato di fronte alla scuola elementare di Tōkyō Asakusa Ishihama, fu trasferito a Meguro nel 1937, dove ospitava un dormitorio di imbarco per studenti di karate. Va notato che il dōjō era situato adiacente alla scuola materna Hatoyama, di cui Toyama era il preside. Un certo numero di studenti di Toyama avrebbe poi svolto un ruolo importante nello sviluppo del dopoguerra del Karate Bōgu-tsuki.

Taira Shinken indossa un bōgu con la supervisione di Nakamoto Masahiro intorno al 1932

Inoltre, sulla terraferma persone come Motobu Chōki (Motobu-ryū), Taira Shinken (Ryūkyū Kobudō, pre-Shōtōkan karate), Mabuni Kenwa (Shitō-ryū), Sawayama Muneomi 澤 山 宗 海 (1906-1977; Nihon Kenpō) e Yamaguchi Gōgen (Gōjū-ryū) studiavano ed evolvevano il Karate Bōgu-tsuki. Mentre questi tentativi sembrano essere rimasti limitati agli studi personali, è ovvio che vari praticanti di karate dei tempi prebellici miravano a un modus di colpi diretti affascinati dall’indossare equipaggiamento protettivo.

Sviluppo del dopo guerra

in seguito alla sconfitta militare del Giappone imperiale nel 1945, poco dopo iniziò la nascita delle organizzazioni di karate sulla terraferma, incentrate su quelle che sottolineavano l’equipaggiamento protettivo. C’erano il Kanbukan 韓 武舘, lo Yōseikan 養成 館 (cioè il Chitōkai successivo 千 唐 会), il Renshinkan 錬 心 舘 e altri.

Il Kanbukan era un dōjō di karate a Tōkyō. Era una delle culle del Karate Bōgu-tsuki. Istituito dai principali discepoli di Tōyama Kanken, e con il suo permesso, seguì il principio non scolastico di Tōyama. Il kumite veniva eseguito sotto forma di Karate Bōgu-tsuki usando l’equipaggiamento kendō. Il ruolo principale del Kanbukan nel Karate Bōgu-tsuki è stato guidato dal vicedirettore Kinjō Hiroshi 金城 裕 e dal direttore Yun Heui-byeong 尹 曦 炳.

Il vicedirettore Kinjō Hiroshi era anche il principale giornalista di karate del dopoguerra. Kinjō aveva studiato con Okuzato Shōgen, Chinen Sanda, iroshiro Chōyo, Maehara Chotoku, Tokuda Anbun e Hanashiro Chōmo e anche ricevuto un diploma di istruttore (shihan menjō) da Tōyama Kanken.

Hui-byong Yun, 1948

Yun Heui-byeong fu discepolo del coreano Tōyama. Si dice sia stato nominato responsabile del Kanbukan al fine di consentire la pratica e la diffusione del karate durante il divieto di Budō imposto nel dopoguerra dal GHQ.

La presenza di un responsabile coreano, avrebbe facilitato lo sviluppo di varie attività come la pratica del karate e la pubblicazione di libri e riviste.

In effetti, il nome Kanbukan significa “casa delle arti marziali coreane”. A questo proposito, Kinjō Hiroshi ha osservato che “In quanto cittadino coreano, Yun a quel tempo apparteneva alla classe privilegiata di cittadini di paesi terzi”.

Va notato, tuttavia, che in realtà il karate sembra non ricadesse sotto il divieto di Budō imposto dagli alleati, che presero di mira principalmente le vecchie reti ideologiche.

Il Kendō rimase proibito abbastanza a lungo, ma il jūdō fu nuovamente consentito in tempi rapidi.

Sul karate, non sembra esserci alcuna menzione in relazione al divieto del Budō.

Libro di karate pubblicato da Yun Heui-byeong e Kinjō Hiroshi nel 1947.

Kinjō ha descritto Yun come “una giovane persona di talento interessata a raggiungere qualcosa. Anche se gli anni in cui è stato coinvolto nei circoli di karate quanto conseguito è stato relativamente poco, i risultati che ha lasciato alle spalle sono enormi “. Inoltre Kinjō ha dichiarato:” Penso anche che per i circoli di karate di oggi questo sarebbe inaccettabile [perché era coreano] “.

Durante il suo mandato come direttore del Kanbukan, Yun Heui-byeong pubblicò un registro di indirizzi di karate. Qui il Kanbukan dōjō era esposto sotto il nome di “Kokusai Karate-dō Renmei Kanbukan” 国際 空手道 連 盟 韓 武舘. In questo, Yun ha anticipato la divulgazione mondiale del karate ed è stato anche il primo a utilizzare questo tipo di convenzione di denominazione, che si trova oggi in abbondanza.

A causa della guerra in Corea (1950-1953), Yun dovette tornare in Corea del Sud nel 1949. Oltre a diventare professore alla Seoul National University, Yun insegnò anche karate al jūdō dōjō chiamato “Korea Kyūbukan” 朝鮮 研 武, ed a Seoul e aprì un dōjō di karate chiamato Chidōkan 智 道 館. Come nome per un’arte marziale coreana, sostenne il nome Tae-su-do 跆 手 道, usando il kanji della mano  “手” come nel karate. Tuttavia, invece il nome Tae-kwon-do 跆拳道 divenne popolare.

Di seguito un’immagine del 1954 – Lo sviluppo del Karate-kūtā come primo equipaggiamento protettivo specifico per il Karate è terminato. Il 1 ° campionato nazionale di karate si svolge secondo le regole con la nuova armatura. Il torneo è ancora in corso ed è quindi il torneo nazionale di Karate con la storia più lunga.

Dopo il ritorno di Yun in Corea nel 1949, il Kanbukan chiuse nel 1950. Sebbene il Kanbukan esistesse da soli 5 anni, esso contribuì notevolmente all’eredità ininterrotta della genealogia del budō karate nel superare  il divieto di budō del GHQ immediatamente dopo la sconfitta del Giappone imperiale nel 1945. Inoltre, esso fu anche pioniere nella competizione di kumite, essendo l’organizzazione precedente al Renbukai, che ha creato atleti del mondo del karate quali Sō Neichū 曺 寧 柱 e il discepolo di Sō Neichū, Ōyama Masutatsu, che si sarebbe anche presentato al Kanbukan spinto dall’uso del Makiwara. Tuttavia Oyama non gradiva i dispositivi di protezione, ma il concetto di attacchi diretti impiegati dal Kanbukan influenzò anche Ōyama Masutatsu e quindi la nascita del karate Kyokushin. Inoltre, il Kanbukan non ha solo preservato il karate come vera tradizione, ma ha anche creato una base per il karate moderno da sviluppare per le generazioni future. Per questi motivi i risultati del Kanbukan sono considerati incommensurabili nella storia del karate postbellico.

Renbukan and original (old) JKF

L’istituzione successiva del Kanbukan fu aperta nel 1951 sotto la direzione di Nakamura Norio e chiamò Renbukan 錬 武舘. Era situato all’interno dell’Onko-gakkai di Shibuya-ku, Hikawa-chō.

Sai Chōkō, influential Taiwanese business man, jūdōka, karateka, white crane boxer, supported the Renbukan, and became president of the (old) JKF. Below in the picture is Yamaguchi Gōgen

Grazie al supporto dell’uomo di affari di Taiwan Sai Chōkō 蔡長庚, il Renbukan mirava alla unificazione dei circoli di karate giapponesi attraverso il Bōgu-tsuki Karate. Nel Dicembre del 1954, nell’auditorium del Kyōritsu Joshi Gakuen, il Renbukan ospitò il primo torneo nazionale di Karate, denominato  “Campionato  di serie Nazionale Karate-do” (Zenkoku Karate-dō Senshuken Taikai).

Naturalmente il torneo fu tenuto seguendo le regole del Bogu-tsuki Karate.

Cinque anni dopo, nel  1959, venne creata l’originale (antica) Federazione Giapponese di Karate (JKF; Zen Nihon Karate-dō Renmei) definita come “organizzazione unificata di Karate che va oltre le diverse scuole di pensiero”.

Molti leader dei circoli di Karate ottennero ruoli nella Federazione: Tōyama Kanken’s Shūdōkan ebbe il ruolo di GHQ.

Presidente  e grande sostenitore fu il Taiwanese Sai Chōkō (White-Crane-Boxing, jūdō), mentre i vice presidenti furono Kinjō Hiroshi (ex Kanbukan) e Konishi Yasuhiro (Shindō Jinen-ryū).

Fra i consiglieri ricordiamo Ōtsuka Hironori (1892–1982; Wadō-ryū), allievo di Motobu Chōki Yamada Tatsuo (Nihon Kenpō Karate-dō), Gima Shinkin (Shōtōkan-ryū) ed altri .

Tamotsu Isamu (Renshinkan) fu nel Consiglio di Amministrazione insieme ad altri.

Questo vecchio JKF ha una varietà di scuole ed espande filiali a livello nazionale, tra cui Okinawa. Ha organizzato la “All Japan Karate-dō Federation Championship Series” (Zen Nihon Karate-dō Renmei Senshuken Taikai) secondo le regole del Bōgu-tsuki, a cui hanno partecipato anche atleti del Renshinkan, del Chitōkai e di Okinawa.

The new (current) JKF

Nel 1964 si formò il (nuovo) JKF (Zen Nihon Karate-do Renmei) con le sue attuali regole sundome. Il (vecchio) JKF ha rinunciato al suo nome e si è affiliato questo nuovo JKF sotto il nome di Zen Nihon Karate-dō Renmei Renbukan. Fu deciso che il Renbukan d’ora in poi avrebbe dovuto servire come organizzazione di cooperazione per sovrintendere al Karate Bōgu-tsuki del nuovo JKF.

Va notato che ci sono molti gruppi diversi attivi nel Karate Bōgu-tsuki e che diventa sempre più internazionale.

Protective equipment (Bōgu 防具)

Mentre nel Sundome Karate si possono usare anche equipaggiamenti protettivi come il menhō メ ン ホ ー, per poter colpire con un equipaggiamento protettivo a impatto pieno nel in Bōgu-tsuki Karate la protezione deve essere tale da non rompersi e prevenire un forte impatto al cervello.

Esistono diversi tipi di dispositivi di protezione approvati dalle diverse federazioni e dai tornei. Inoltre, ci sono anche tornei che consentono l’uso di protezioni per il tronco del Taekwondo. Le principali attrezzature di protezione utilizzate nel Karate Bōgu-tsuki sono indicate di seguito.

Karate-kutā カラテクター

Completato nel 1954, questo equipaggiamento protettivo è stato utilizzato nel 1 ° torneo nazionale del mondo del Karate, il “National Karate-dō Championship Series” (Zenkoku Karate-dō Senshuken Taikai). Ancora oggi è l’equipaggiamento protettivo specificato del Genwakai玄 和 会. È stato creato in riferimento ai dispositivi di protezione di Kendō, ma per l’uso nel Karate, con materie prime principalmente di stoffa e pelle. Ci sono stati molti problemi come problemi di sicurezza dovuti a crepe, problemi sanitari come diventare ammuffiti, pesanti e difficili da spostare, inoltre hanno un design vecchio e il un prezzo elevato.

Strong Man (Sutorongu Man ストロングマン)

L’equipaggiamento protettivo specificato del Renbukai si è sviluppato dall’equipaggiamento protettivo Kendō → Karate-kutā (1954) → Strong Man (vecchio modello) (1981). Sembra in qualche modo simile ai dispositivi di protezione di Kendō. È stato sviluppato per superare i problemi sorti con il Karate-kutā. The Strong Man (vecchio modello) è stato adottato come equipaggiamento di protezione specificato nel 1981 per il 20 ° Torneo Nazionale

Strong Man (old model)

Tuttavia, a causa della sua scarsa vestibilità e di altri problemi, e poiché l’ammortizzazione nella parte posteriore della testa era sottile, in caso di un brutto colpo o di caduta sulla parte posteriore della testa, Strong Man (vecchio modello) ancora rappresentava un potenziale pericolo che poteva anche portare alla morte accidentale. Infatti attualmente, la maggior parte degli atleti che usano il vecchio modello spesso inseriscono un asciugamano tra il copricapo nella parte posteriore della testa e la mascella.

La maggior parte delle organizzazioni diverse da Renbukai ha adottato il “Super-safe”, che è stato sviluppato nello stesso periodo (1981) e non ha adottato lo Strong man a causa del dolore durante il movimento, il disagio, il suo vecchio design. Nel 2004 il Strong Man (nuovo modello) è stato sviluppato con un’imbottitura nella parte posteriore della testa (migliore resistenza agli urti), una migliore traspirabilità e una sensazione di calzata corretta, e inoltre, è stata migliorato il range di visibilità che era molto limitato. Ma ci sono ancora pro e contro, come ad esempio il problema del peso che non è stato ancora risolto. Tra le sue caratteristiche vi è la finestra di visualizzazione mascherata con griglia di ferro che non si rompe nemmeno a un impatto grave. Ma c’è anche l’opinione che il pericolo di lesioni al collo rimanga a causa del peso dell’attrezzatura principale quando si riceve un colpo.

Strong Man (new model)

Inoltre, ha un campo visivo più ristretto rispetto al “Super-safe” ed  a causa della superficie in ferro c’è ancora il rischio di lesioni durante l’impatto quando i piedi e i pugni non vengono allenati su base regolare. Nel 2007 è stato rilasciato un nuovo modello di protezione per il torace (dō 胴) che ha perso le cinghie di montaggio simili a quelle del protettore toracico Kendō usato fino ad allora, e inoltre ha adottato una forma a soffietto che ne ha migliorato la vestibilità.

Super-safe (Sūpāsēfū スーパーセーフ)

Protezione del viso ampiamente adottata in molte organizzazioni di Kōshiki Karate e Bōgu Karate. Il “Super-safe” è anche conosciuto  come “elmetto da acquario” (金魚 鉢 メ ッ ト) e ha una forma di un copricapo da kickboxing a cui viene aggiunta una parte frontale in plastica trasparente rotonda. Oltre al Karate Kōshiki e al Karate Bōgu, è stato adottato anche in vari tornei, ad esempio nel torneo Hokuto-ki 北斗 旗 a contatto completo del Daidō-juku 大道 塾, è robusto e raramente si rompe. Ha un ampio campo visivo, anche le lesioni leggere sono poche, sebbene la parte in plastica rischia di appannarsi. Inoltre, sebbene la Strong Man assorba lo shock dell’impatto, poiché sporge in avanti e la distanza di combattimento è vicina, la possibilità di danni al collo. Super-safe è un prodotto simile a K-Protector (K プ ロ テ ク タ ー) e Shield-men (シ ー ル ド 面).

Altre

Il K-Protector è venduto da Martial World (マ ー シ ャ ル ワ ー ル ド). Rispetto al Super-safe, la sua visibilità è più ampia e ha un maggiore assorbimento dei danni all’impatto sulla testa. Ma poiché con 750 g è più pesante del Super-safe (500 g), in caso di impatto penetrante il potenziale danno al collo è maggiore.

A prototype Adidas Shield-men at Tōyō Budō-gu

Shield-men è venduto da Tōyō Budō-gu 東洋 武 道具 ed è diventato l’equipaggiamento protettivo specificato della Japan Protector Karate Federation (JPKF, Zenkoku Bōgu Karate-dō Renmei). Rispetto al Super-safe (¥ 16.800) e al K-Protector (¥ 15.540), lo Shield-men è più economico (¥ 13.650). Inoltre, i primi due sono legati con due corde nella parte posteriore della testa, mentre gli Shield-men sono dotati di una chiusura in velcro che ne facilita la calzata. Inoltre, per mitigare l’impatto, un tubo di gomma è inserito sulla parte della mascella e ha anche un’imbottitura protettiva attaccata sulla parte superiore della testa. Mentre il tubo del modello iniziale si toglieva  facilmente, il modello migliorato ha un cuscinetto di gomma che protegge l’intera circonferenza della parte dello schermo

Il Renbukan con il suo Karate Bōgu-tsuki è ancora oggi uno dei 6 “gruppi di cooperazione” del JKF – insieme a JKF Gōjū-kai, JKF Shitō-kai, JKF Wadō-kai, JKA e Nihon Karate Rengōkai.

fonte articolo: http://ryukyu-bugei.com/?p=6533 (da noi liberamente tradotto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *